Latina, dopo i rimpianti apriliani si pensa all’Atletico per lanciare l’assalto al podio della classifica

Pareggio e tanti rimpianti per il Latina, ieri, al Quinto Ricci di Aprilia. I nerazzurri hanno disputato un grande primo tempo, sfiorando subito il gol con Palazzo e Cossentino e passando in vantaggio con un colpo di testa Tribuzzi al 27’. La squadra di Pascucci ha continuato a premere e a costruire occasioni ma i padroni di casa hanno reagito nella ripresa trovando il pari su un rigore trasformato da Casimirri e concesso per un ingenuo fallo di Catinali. Con il punto raccolto ieri i pontini sono saliti a quota 54, a + 4 dal Cassino e dallo stesso Aprilia, inseguitrici per la zona playoff. Visto il turno infrasettimanale, in programma giovedì alle 19 al Francioni contro l’Sff Atletico, il Latina ha programmato già a partire da oggi le sedute di allenamento. Nel prossimo match mancherà per squalifica Cittadino, in forse Cossentino per un problema muscolare.

PASCUCCI FURIOSO: “QUESTE PARTITE VANNO CHIUSE”

Carlo Pascucci non poteva non essere arrabbiato dopo l’1-1 del Quinto Ricci. Il mister ha rimproverato ai suoi la scarsa concretezza evidenziata nel finalizzare la mole di gioco e di palle gol costruite nel corso del primo tempo. “Già nell’intervallo ci eravamo detti di essere più cattivi sottoporta, perché in queste partite basta un minimo errore per compromettere tutto. Così è stato, abbiamo sbagliato sul rigore subendo il pareggio di un Aprilia che pur reagendo non ci aveva creato grossi affanni”. Il tecnico può comunque essere soddisfatto per la crescita caratteriale del suo Latina, andato a dettare legge sul campo della rivelazione del campionato. Ora il trittico terribile prosegue con la seconda tappa: giovedì al Francioni bisognerà battere l’Atletico, per lanciare l’assalto al podio della classifica.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti