Itri, la lente della Finanza sulle rimesse di denaro da e per l’estero consente la cattura di un ricercato

Una pattuglia della Guardia di Finanza durante i controlli su strada (foto Paola Libralato)

I finanzieri del Gruppo di Formia questa mattina hanno arrestato ad Itri un cittadino romeno colpito da ordine di cattura spiccato nel 2013, mai eseguito per irreperibilità, in ordine all’espiazione della pena definitiva di tre anni di reclusione per i reati di emissione di fatture per operazioni inesistenti, omessa dichiarazione e dichiarazione infedele commessi in provincia di Como.

Il nominativo dell’uomo è apparso nei controlli svolti dai finanzieri sugli operatori economici dediti alla gestione di materiale delle rimesse di danaro da e per l’estero che, con la loro capillare rete, costituiscono a tutti gli effetti un circuito finanziario alternativo a quello bancario.

In particolare dal controllo delle distinte di versamento presenti all’interno di un’agenzia, i militari hanno individuato tra i clienti che avevano effettuato trasferimenti, il nominativo un cittadino rumeno ricercato dal 2013.

Le Fiamme Gialle formiane attraverso una penetrante attività info-investigativa sono risalite alle occupazioni giornaliere del medesimo ed alle località potenzialmente frequentate. Così, a seguito di numerosi ed ininterrotti appostamenti nell’arco di meno di 24 ore, l’uomo, nella mattinata odierna, è stato individuato e catturato nel territorio di Itri. Ora si trova nel carcere di Cassino per l’espiazione della pena.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti