Latina, in carcere banda di rapinatori che narcotizzava le vittime prescelte sui treni regionali

La Polizia ferroviaria ha arrestato quattro rapinatori in azione, nelle ultime settimane, sui treni regionali della tratta Napoli-Roma. Si tratta di un tunisino di 25 anni, finito nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, e di tre egiziani di 19, 26 e 36 tradotti nella casa circondariale di Latina. La brillante operazione è stata portata a termine dalle squadre di polizia giudiziaria dei compartimenti della Polizia Ferroviaria della Campania e del Lazio a seguito di scrupolose attività investigative avviate per fare luce su una serie di episodi che hanno visto coinvolti ignari passeggeri di treni regionali da Napoli diretti a Roma, i quali, dopo aver accettato una bevanda da persone che si confondevano tra i normali viaggiatori, cadevano in un profondo sonno e venivano depredati degli oggetti di valore che avevano indosso.

Le vittime in tutti i casi hanno necessitato del trasporto presso i più vicini nosocomi per le cure mediche del caso.

Grazie alle testimonianze raccolte, e grazie ad un intenso scambio info-investigativo tra le due strutture operative dei Compartimenti, l’attenzione investigativa è stata così indirizzata nella Stazione di Aversa, da dove i sospettati erano soliti salire a bordo del treno.

I componenti delle due Squadre di Polizia Giudiziaria hanno iniziato così una serie di servizi di scorta a bordo dei treni regionali considerati più bersagliati dal gruppo di malviventi.

Ieri pomeriggio, l’attività ha avuto l’epilogo sperato: personale della Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polizia Ferroviaria per la Campania ha

individuato un cittadino tunisino di anni 32, che con fare sospetto si aggirava a bordo di un treno regionale scrutando viaggiatori e bagagli. Postisi a debita distanza ne osservavano le mosse notando che il tunisino prendeva posto di fronte ad un cittadino srilankese, e dopo pochi minuti di conversazione gli offriva del thè. Qualche minuto e la vittima cadeva in un sonno profondo, così il malvivente gli infilava le mani nelle tasche impossessandosi del cellulare, di una somma di denaro e del passaporto.

A quel punto gli uomini della squadra di Pg sono intervenuti immediatamente. Il tunisino ha cercato di darsi alla fuga ma è stato bloccato con non poche difficoltà dai poliziotti e tratto in arresto nei pressi della Stazione di Sessa Aurunca. A seguito di perquisizione sono stati rinvenuti nel suo zaino diversi flaconi con sostanze soporifere. Lo straniero è stato arrestato per rapina aggravata e resistenza a pubblico ufficiale e associato presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Sempre nella serata di ieri personale della Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Lazio, di scorta a bordo di un regionale partito dalla stazione di Napoli Centrale in prima serata, ha notato salire a bordo del treno tre soggetti, uno dei quali si è subito allontanato dal gruppo percorrendo il treno costantemente al telefono con un altro dei due rimasti a distanza. Dopo aver individuato la potenziale vittima, si è seduto di fronte e nel frattempo sono sopraggiunti gli altri due che da uno zaino hanno estratto un pacchetto di patatine che hanno offerto alla ignara vittima; dopo alcuni secondi hanno estratto anche una bottiglia di succo di frutta che hanno offerto all’uomo. Lo stesso dopo alcuni minuti è caduto in un sonno profondo e i tre hanno iniziato a rovistare nelle sue tasche. Il personale operante, testimone di tutta la scena, è intervenuto bloccando, poco prima della stazione ferroviaria di Fondi, i tre rapinatori.

La vittima, non accortasi di nulla, ancora sotto l’effetto delle sostanze, è stata trasportata presso l’ospedale di Fondi.

I giovani, identificati per tre cittadini egiziani 19, 26 e 36 anni, sono stati arrestati per tentata rapina pluriaggravata e lesioni personali aggravate ed associati presso il  carcere di Latina.

Sono in corso ulteriori indagini finalizzate all’identificazione di altre persone eventualmente coinvolte nella consumazione della attività delittuose.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti