Fuga per la libertà, la storia del campo profughi raccontata da Gasbarroni approda a Roma

La storia del campo profughi di Latina raccontata nel docu-film “Fuga per la libertà” di Emanuela Gasbarroni approda a Roma. Domani, 25 aprile, sarà proiettato alle 21. L’appuntamento è al Centro Aggregativo Apollo 11, presso l’Itis Galilei, ingresso laterale di via Bixio 80/a (angolo via Conte Verde).

Quando Emanuela era piccola, la sua famiglia conobbe rifugiati politici fuggiti dall’Europa orientale, che erano ospitati per alcuni mesi nel campo profughi di Latina. Un ricordo indelebile che spinge Emanuela a fare ricercare negli archivi e a ritrovare alcuni rifugiati, che dopo molti anni fanno un viaggio difficile nel loro passato, tornando in quel campo, dove erano arrivati durante la loro fuga verso la libertà. Trova Alex che aveva 22 anni, quando nel 1982 fuggì dalla Romania. Poi Aurelia, polacca, fuggita all’età di 20 anni nel 1980. E Mihai, che ha scritto un libro sulla sua fuga negli anni Settanta dalla Romania. Cosa è diventata la loro vita, e che cosa ricordano di quel periodo di transizione da est a ovest ?

All’evento romano di domani, giorno della Liberazione, interverranno al termine della proiezione, oltre alla regista Gasbarroni, la giornalista Tatiana Cover (Stampa estera), il regista pontino Gianfranco Pannone, il giornalista Carlo Picozza  (La Repubblica) ed Emilio Ciarlo (Aics, Ministero degli Esteri).

LE VOSTRE OPINIONI

commenti