San Felice, il Cristo del Circeo è pronto a tornare in mare

 

Una suggestiva cerimonia a terra ed un successivo corteo di barche accompagneranno la celebrazione del nuovo inabissamento de “Il Cristo del Circeo”, la statua bronzea che è rimasta nelle acque della Secchitella ben 25 anni a proteggere gli operatori del mare.

Dopo un quarto di secolo, la statua è stata riportata in superficie il 21 ottobre 2017 per essere sottoposta ad una attenta opera di pulitura restauro e consolidamento da parte dello scultore Ignazio Colagrossi e tornerà nella sue sede di sempre a proteggere la comunità cristiana del Circeo e i moltissimi subacquei che ne hanno ormai fatto una sicura meta, a 18 metri di profondità.

Il 25 aprile sarà nuovamente un momento di emozione e di preghiera come accadde 25 anni fa e la statua sarà riportata in mare dagli stessi operatori che ebbero allora l’idea di inabissare “Il Cristo del Circeo”.

Marco Sottoriva insieme a Sandro Signoriello e Vittorino Caissutti ed altri volontari, in collaborazione con la Cooperativa Cicero I, avrà il compito di seguire tutte le fasi della cerimonia a cui hanno già aderito autorità civili e militari, per riportare la statua nelle acque del Circeo.

Definito anche il programma della cerimonia: alle 10.30 l’appuntamento sarà al porto turistico di San Felice Circeo, successivamente alle 11 Don Carlo Rinaldi celebrerà la funzione religiosa al campo, con la benedizione della statua. Subito dopo un corteo di barche si staccherà dalle banchine del porto o si aggiungerà al largo e si svolgerà nelle acque del Circeo per arrivare fino alla Secchitella, il fondale che ospiterà di nuovo il Cristo del Circeo.

La statua, attualmente collocata sulla banchina principale del porto, resterà visibile a tutti fino alla mattina del 25 aprile quando sarà restituita al mare. Le operazioni di inabissamento saranno realizzate,  con il supporto e la collaborazione della Cooperativa Circeo I, di Signoriello Sport, dai subacquei Marco Sottoriva, Sandro Signoriello, Massimo Martufi, Vittorino Caissutti e Gianluca Soffiati, con il patrocinio del Comune di San Felice Circeo e l’assistenza spirituale della parrocchia di Santa Maria degli Angeli, che ha ospitato la statua dal momento successivo al restauro, per tutto il periodo natalizio e pasquale, fino al momento dei suo prelevamento per le operazioni finali. .

“Mi aspetto una grande partecipazione ad una delle iniziative più pregiate che il Comune di San Felice Circeo ha avviato in questa stagione primaverile . dice il Sindaco Giuseppe Schiboni -. Si tratta di un evento con finalità religiose e affettive e che, soprattutto, vuole aprire la stagione ai tanti turisti nel nostro Comune anche per l’estate 2018. Una suggestiva iniziativa che avrà il suo momento più coinvolgente con l’inabissamento del Cristo del Circeo nelle acque della Secchitella”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti