Tour della Lega a Pontinia, Mochi accoglie Tripodi e Adinolfi

“Agricoltura, filiera di governo e presenza sul territorio”. Sono questi i capisaldi della tavola rotonda andata in scena venerdì sera a Pontinia presso il ristorante la Campana, che ha visto la partecipazione di oltre 100 persone, organizzata dal consigliere Giuseppe Mochi alla presenza dei coordinatori comunale e provinciale della Lega Giuseppe Belli e Matteo Adinolfi, del capogruppo del partito alla Regione Lazio Orlando Angelo Tripodi, invece i deputati pontini del Carroccio Francesco Zicchieri e Claudio Durigon, assenti per impegni politici, hanno inviato il loro saluto.
“Azione pontinia ha intrapreso questa collaborazione con i rappresentanti istituzionali – dice Mochi -. Abbiamo l’esigenza di rimettere in piedi la fiera di governo. Con Tripodi, ma anche con Belli e Adinolfi, ci lega una profonda amicizia, ha iniziato da militante nel Msi e poi in An, non ha mai mollato e ha raggiunto un traguardo importantissimo. La Regione è un ente determinante per il nostro territorio: agricoltura, ambiente e sanità. Insomma, possiamo incidere direttamente a livello amministrativo e Tripodi sarà il nostro punto di riferimento per la crescita della nostra città. Farà la differenza”.
“Qui c’è una comunità per essa e il resto della provincia sono a disposizione”, assicura Tripodi, che ha poi spostato i riflettori sulla Pisana: “Nicola Zingaretti ha una maggioranza solida coi 5 Stelle”. E sulle iniziative messe in campo: “In meno di un mese – spiega – la Lega ha già inciso. Abbiamo vinto la battaglia dell’inserimento dell’erosione costiera in una delle commissioni permanenti: significa aver un capitolo di bilancio specifico. Lunedì faremo il sopralluogo con l’Assessore regionale all’Ambiente. Li abbiamo messi con le spalle al muro dopo l’immobilismo. Daremo anche la soluzione attraverso i fondi europei del progetto Orizzonte 2020 e non molleremo sulla direttiva Bolkestein”. E sull’agricoltura: “Proporrò di rimodulare l’erogazione del gasolio agricolo a favore degli agricoltori, già in difficoltà per la siccità, e poi presenteremo un’importante iniziativa sull’agroalimentare, che sarà il volano del territorio insieme al turismo, oltre alla risivitazione dei Consorzi di bonifica. Pontinia, città di fondazione, sarà al centro della nostra agenda come le altre realtà”. Invece sulla sanità: “Sto lottando per servizi qualitativamente più elevati, dall’ospedale di Latina agli altri nosocomi fino agli ambulatori h24 con posti di breve degenza”.
“Ci sono tanti giovani: partecipate alla scuola politica della Lega, nella quale ho ritrovato un vero partito, voluta fortemente da Adinolfi perché abbiamo bisogno di formare una nuova classe dirigente – conclude Tripodi – Abbiamo bisogno di voi per ridare dignità alla nostra terra e nazione. Saremo al vostro fianco, la Lega è inclusiva”.
Il tour di Tripodi a Pontinia lo ha coinvolto anche in un discorso legato alla valorizzazione del mondo scolastico. Il primo step all’istituto Comprensivo Giovanni Verga.
“Un’istituto all’avanguardia – spiegano Tripodi e Belli – che deve essere valorizzato e potenziato nonostante sia di ultima generazione. Abbiamo visitato le aule multimediali, dove gli alunni hanno la possibilità di intensificare la formazione”.
“Tripodi, nella veste di consigliere regionale, sta confermando un’attenzione particolare per il territorio a differenza di quanto avveniva in passato da parte degli eletti pontini – sottolinea il coordinatore Belli -. Un nuovo metodo di fare politica che non può sottovalutare gli investimenti nella scuola, le pietre miliari per la crescita di un modello di società. E gli alunni di Pontinia, attraverso la professionalità del corpo docente, saranno certamente determinanti”, assicura Belli, che annuncia nelle prossime settimane “altri sopralluoghi nel resto degli istituti scolastici e tavole rotonde con le categorie, in particolare col comparto agricolo”.
“Sono a disposizione dei cittadini e dell’intera provincia – dice Tripodi – che devono tornare al centro dell’agenda della Regione Lazio. E certamente il potenziamento delle attività didattiche e degli strumenti, attraverso progetti importanti che mi sono stati anticipati, rappresenta un percorso vincente per la formazione di una classe dirigente protagonista”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti