Aprilia, degrado al cimitero. Il candidato della Lega Andrea Morandini accusa: “Loculi abbandonati e fili scoperti. Nessun rispetto per i morti”

Lasciato nel degrado, senza manutenzione e senza un’idea di futuro che possa servire davvero alla città”. Il candidato al consiglio comunale della Lega, Andrea Morandini interviene commentando le condizioni in cui versa il Cimitero di via dei Cipressi ad Aprilia. “Non si può lasciare in queste condizioni una struttura così importante per la città – dice il candidato – ci sono cavi elettrici scoperti, strutture fatiscenti ed infiltrazioni d’acqua ovunque. Appena si entra ci si trova di fronte un comparto di loculi vuoti che sembrano abbandonati e lasciati nel completo degrado. Non certo una buona accoglienza per chi arriva al Cimitero per far visita ai propri cari. Si tratta di loculi provvisori che però vengono gestiti nel modo sbagliato. L’amministrazione comunale aveva annunciato l’apertura dell’obitorio, ma così non è stato, le salme vengono continuamente spostate altrove, con attese estenuanti per le eventuali autopsie e con famiglie lasciate in lunghe attese solo per decidere la data di un funerale, evento di per sé già doloroso. La sala adiacente alla chiesa – aggiunge Morandini – quella utilizzata per lasciare le bare in sosta in attesa della sepoltura, è in condizioni pessime. Non ci si può neanche avvicinare, si viene invasi da un odore terribile. In quella stessa stanza doveva essere installato un condizionatore, così non è stato. Nel frattempo, dopo anni di incuria e incapacità, non si è pensato ad un serio ampliamento della struttura: i loculi sono ormai quasi terminati. L’amministrazione non si è preoccupata di risolvere la questione dei loculi ed ora si rischia di nuovo il collasso. Lasciare il Cimitero comunale in queste condizioni significa mancare di rispetto ai cittadini e ai loro cari defunti. E’ una situazione inaccettabile”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti