Latina, un car sharing completamente elettrico rivoluzionerà la città

Da domani Eppy che vuol dire Elettra Point to Point by Yourself, un servizio di car sharing completamente elettrico e a zero emissioni, dopo Milano e Roma, arriverà anche a Latina. Anzi, partirà da Latina. La nostra città sarà la prima tra le medio-piccole città di provincia, ad avviare questa sperimentazione. L’avvio del progetto giunge al termine di una procedura ad evidenza pubblica indetta dal Comune nell’estate 2017 alla quale ha risposto Alea Mobilità Urbana.

“Inauguriamo oggi un servizio di car sharing totalmente green e a impatto zero sull’ambiente, una sfida economica e sociale a supporto di un nuovo approccio alla mobilità e alla concezione di trasporto urbano, dice Fabio Massimo Bombacci, Presidente e CEO di Elettra Investimenti, azienda impegnata ad espandere la propria attività nel settore dell’efficienza energetica e Mobilità Urbana Elettrica. “Elettra, spiega Bombacci, continua a fare impresa in Italia, investendo risorse tecniche ed economiche proprie e con scelte strategiche innovative e di lunga visione”. Si è investito su Latina, aggiunge, per sviluppare lo stesso modello virtuoso in città simili.

Presente alla conferenza stampa anche Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola. “Eppy, ha affermato l’ex parlamentare, aiuterà a ridurre lo smog, a vantaggio di ambiente e salute, perchè il progetto che ha il merito di unire l’uso condiviso di un auto ai benefici dell’elettrico e gli obiettivi posti dalla sfida climatica, fanno senz’altro dire che la mobilità elettrica sarà quella del nuovo millennio”.

Eppy da domani sarà operativo con i primi 14 veicoli della gamma Renault Z.E., ma a regime si punta a un totale di 50 unità nell’arco di 18 mesi. “Il raggiungimento di questo obiettivo è possibile solo grazie al lavoro sinergico di tutti questi attori qui presenti, afferma Francesco Fontana Giusti, Direttore Comunicazione & Immagine di Renault Italia. “Noi siamo convinti che i veicoli elettrici rappresentino la miglior soluzione per il car sharing”.

«Siamo tra le prime città di media dimensione in Italia a promuovere un servizio di car sharing interamente elettrico – ha sottolineato con emozione il Sindaco Damiano Coletta – e ne siamo orgogliosi. Questa esperienza è il segno di un cambiamento culturale e rientra nel progetto di mobilità sostenibile ed economia circolare che l’Amministrazione intende portare avanti, facendo entrare Latina in un circuito virtuoso a cui mi auguro vogliano aderire tutti i cittadini convintamente».

Di complessità ha parlato la vice sindaca, Briganti. Per arrivare ad oggi, dice, c’è stato un lungo lavoro. Peraltro non ancora concluso, perchè all’interno di questo progetto ci si potrà affiancare un altro tema molto a cuore di questa Amministrazione: la cardioprotezione.

Come funzionerà il servizio

LE COLONNINE – La sperimentazione prevede l’installazione di 30 colonnine di ricarica in punti strategici del territorio, strutturate in modo tale da poter ospitare al loro interno, in un prossimo futuro, anche la rete dei defibrillatori di cui il Comune di Latina sta dotando la città.

FREE EPPY – Per utilizzare i veicoli Eppy è necessario scaricare la App Mobile Eppy, disponibile per Android e IOS, e registrarsi. Una volta compiute queste due semplici operazioni, si potrà ricercare l’auto più vicina, avviare il noleggio e terminarlo secondo le esigenze personali, lasciando il veicolo nella zona contrassegnata in blu sulla mappa. Fino a settembre i clienti Eppy potranno utilizzare il servizio gratuitamente per un’ora al giorno.

Una bella sfida quella lanciata oggi. Una sfida tripla: di sostenibilità ambientale, economica e culturale. Latina, e va detto, per la sua conformazione, con borghi e quartieri nuovi, distanti e mal serviti da servizi urbani, si distingue per l’alto numero di auto private. L’auto privata da noi si usa per necessità e per abitudine. Anche se per molti è qualcosa in più. E’ l’emblema del livello di benessere socio-economico. E’ ostentazione e prestigio sociale. E’ uno status symbol difficile da combattere e da debellare.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti