Crisi rifiuti, Rida ambiente: occorre senso di responsabilità per evitare il caos a Roma

Fabio Altissimi

E’ di nuovo emergenza rifiuti, per Roma Capitale. Un’emergenza che era nell’aria da mesi, acuita dall’annuncio di un nuovo sciopero da parte dei lavoratori dell’Ama. A breve gli impianti pubblici di Roma non sapranno più dove conferire gli scarti derivanti dalla lavorazione dell’indifferenziato con le gare d’appalto, indette o da indire, che hanno dei tempi tecnici lunghi che non coincidono con quelli dell’emergenza.
“La situazione è grave e per uscirne serve l’impegno di tutti” commenta il patron di Rida Ambiente Fabio Altissimi. Il Tbm di Aprilia, solo alcuni giorni fa e dopo una battaglia legale durata anni, si è visto indicare dalla Regione Lazio due siti dove poter conferire gli scarti di lavorazione. “Purtroppo – prosegue Altissimi – siamo stati costretti a chiedere delle delucidazioni su quella delibera per renderla davvero operativa. Speriamo che questi nodi vengano sciolti al più presto e non tanto per noi quanto perché, proprio grazie al conferimento in una discarica della regione degli scarti di lavorazione, pari appena al 20% del materiale in ingresso nel nostro stabilimento, potremmo sbloccare le 150mila tonnellate di capacità di lavorazione che abbiamo a disposizione. Con un lavoro coeso questa quantità potrebbe essere dedicata proprio a Roma che potrebbe così evitare dispendiosi viaggi fuori regione ma soprattutto scongiurare una crisi che metterebbe in difficoltà operatori turistici, cittadini e scalfirebbe il lustro dell’Italia intera”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti