Fondi, al grido di “Allah akbar” minaccia di dare fuoco al bombolone del Gpl: arrestato

Il commissariato di Polizia di Fondi

Alta tensione sabato pomeriggio a Fondi dove un egiziano di 27 anni, dichiarandosi un appartenente all’Isis, al grido di “Allah akbar”, ha minacciato di far saltare in aria un bombolone di Gpl. Il tutto è avvenuto all’interno di una proprietà privata di via delle Marne. Ad allertare la Polizia è stata una donna, accortasi della presenza di una persona all’interno della sua abitazione. Il personale della Volante del locale commissariato, giunto immediatamente sul posto, ha trovato lo straniero chino su un bombolone del gas, posto nel giardino dell’abitazione, con in pugno un accendino e con l’evidente maldestro intento di appiccare il fuoco. Il 27enne, identificato come Abdalla Ahmed Abdalla Khattab, è stato arrestato e condotto nel carcere di Latina.

Durante le fasi dell’arresto, per il quale ha opposto una fermissima resistenza, senza alcun freno inibitorio ha pronunciato in maniera scomposta il grido di “Allah akbar” e in perfetto italiano ha asserito di essere un appartenente all’Isis, venuto a Fondi per far conoscere la verità.

Accertamenti sul 27enne da parte della Polizia non hanno evidenziato particolari note, trattandosi di un cittadino con permesso di soggiorno per motivi di lavoro subordinato, in fase di rinnovo, privo di segnalazioni di polizia giudiziaria.

A Fondi, come in altri centri della provincia di Latina, sono stati predisposti da parte del Questore servizi particolari in considerazione dello svolgimento del Ramadan che vede un’elevata concentrazione di stranieri.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti