Caro estinto a Latina, citazione milionaria della Ipogeo: il Comune a caccia di un consulente tecnico di parte

L'architetto Nunzia Lanzillotta, dirigente dei lavori pubblici del Comune di Latina

Il Comune di Latina cerca un consulente tecnico di parte per supportare la difesa dell’ente contro un atto di citazione da 13.798.244,61 euro oltre Iva, interessi e rivalutazione monetaria. Si tratta dell’iniziativa legale della società Ipogeo, concessionaria del cimitero, finalizzata ad ottenere la condanna del Comune di Latina per inadempimento alle obbligazioni derivanti dal contratto di concessione stipulato nel lontano 2009, consistenti in fatture scadute non pagate e maggiori oneri sostenuti.

Il Comune è a caccia del consulente da dicembre 2017, attraverso interpello interno del Servizio Gestione e Sviluppo del Personale e dell’Organizzazione sollecitato a tale scopo. Un buco nell’acqua. Il Comune di Latina non dispone di un elenco di professionisti esterni cui conferire tale incarico di Ctp né risultano attive convenzioni su Consip “relative al servizio de quo – si legge in una determina pubblicata oggi all’albo pretorio, a firma dell’architetto Nunzia Lanzillotta, dirigente del servizio Lavori pubblici – giuridicamente configurabile come contratto di prestazione di opera intellettuale ex articolo 2230 del Codice civile ovvero prestazione esclusa dall’ambito di applicazione del vigente Regolamento Comunale per l’affidamento di incarichi individuali”. Che fare allora?

La risposta è contenuta nella stessa determinazione del dirigente Lanzillotta: si rende necessario effettuare apposita indagine di mercato da effettuare con il tramite dell’Avviso
esplorativo finalizzato a raccogliere manifestazioni di interesse da parte dei soggetti interessati. Il compenso stimato per l’ingaggio è di 30mila euro, oltre oneri previdenziali e fiscali. La determina prevede anche la tempistica della liquidazione: 30% dell’importo preventivato al termine dell’attività di studio e analisi della documentazione; 40% dell’importo preventivato alla trasmissione della relazione del Ctu alle parti; saldo alla consegna delle osservazioni alla relazione del Ctu oppure, nel caso queste non fossero
previste, al deposito in Cancelleria della relazione del Ctu.

Stante la natura dell’incarico di Ctp, in coerenza con la designazione del Tribunale, nonché
con la condivisione dell’Avvocatura comunale, la dirigente Lanzillotta spiega nell’atto che è stata individuata come professionalità più idonea da incaricare all’esterno dell’Ente, la figura di Dottore Commercialista e Revisore dei Conti.

L’avviso esplorativo sarà pubblicato all’albo pretorio del Comune per 15 giorni. “L’Avviso Pubblico Esplorativo de quo – si legge nella determina pubblicata oggi – non dà luogo a graduatoria né vincola in alcun modo l’Ente”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti