Rigenerazione urbana, convegno Ance a Fossanova. Focus sulla razionalizzazione del patrimonio edilizio esistente

Pierantonio Palluzzi

Incentivare la razionalizzazione del patrimonio edilizio esistente, favorire il recupero delle periferie e delle aree urbane degradate, limitare il consumo di suolo ed aumentare la sicurezza sismica dei manufatti esistenti. Sono solo alcuni degli obiettivi principali della legge regionale sulla rigenerazione urbana, la numero 7 del 18 luglio del 2017, di cui si parlerà martedì prossimo, 10 luglio, in occasione di un convegno organizzato da Ance Latina (Associazione Nazionale dei Costruttori Edili della provincia di Latina) in collaborazione con Ance Frosinone, Ange Lazio – Urcel e di intesa con gli ordini professionali degli Architetti, Ingegneri e Geometri delle province di Latina e Frosinone.

Un incontro tecnico ma che mira a chiarire in maniera esaustiva tutti gli aspetti di quella  che viene colta come una opportunità. “Le ricadute sul territorio della legge sulla rigenerazione urbana l.r. n. 7 del 18 luglio 2017 e i suoi sviluppi”, questo dunque il titolo del convegno che si terrà nella straordinaria cornice dell’ex infermeria dell’Abbazia di Fossanova, in via San Tommaso d’Aquino a Priverno, perfettamente al centro fra le due province di Latina e Frosinone, il prossimo martedì 10 luglio 2018 dalle 16 alle 19.

“Parleremo delle principali ricadute approfondendo le maggiori novità introdotte con questa legge – spiega il presidente di Ance Latina Pierantonio Palluzzi -, e lo faremo con interventi estremamente qualificati, per questo voglio sottolineare la collaborazione con gli ordini professionali e l’importanza che questa iniziativa sia riservata non solo alle imprese edili e ai loro collaboratori ma anche agli amministratori locali, ai dirigenti e agli addetti dei settori lavori pubblici e urbanistica così come ai liberi professionisti”.

L’evento, dopo i saluti dei presidenti di Ance Latina e Frosinone, Pierantonio Palluzzi e Domenico Paglia e dei presidenti degli ordini professionali, vedrà gli interventi dell’architetto Manuela Manetti, direttore regionale area territorio urbanistica e mobilità e dell’ingegner Francesco Raffaelli che parlerà del ruolo dei comuni nell’ambito di applicazione della legge. Concluderà i lavori l’assessore regionale all’urbanistica e politiche abitative Massimiliano Valeriani.

L’iniziativa è accreditata tra gli eventi formativi degli ordini professionali e per questo verrà rilasciato attestato di partecipazione valido per il riconoscimento dei crediti.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti