Non può pagare l’affitto e occupa abusivamente un ufficio. Alta tensione al “Colosseo” di Latina

Un’altra occupazione abusiva al “Colosseo” di Latina. Il caso è stato segnalato questa mattina alla Polizia Locale da parte di alcuni residenti regolari del maxi condominio tra via Bruxelles e viale Le Corbusier, esasperati dal numero crescente di vicini di casa senza titolo. “Abbiamo bussato a tutte le porte – si sfoga una signora -, ma qui se non ci scappa il morto non si muove nessuno”. Il caso delle occupazioni abusive al Colosseo è stato affrontato diverse volte nelle commissioni consiliari del Comune di Latina, ma – lamentano gli abitanti – qui la situazione non cambia, anzi peggiora. L’ultimo episodio di queste ore riguarda una donna straniera, affittuaria di uno degli appartamenti di proprietà privata rilevati dall’Inpdap. Stando a quanto riferito dai condomini, la donna in mora con il pagamento dell’affitto ha deciso di lasciare l’appartamento, perché impossibilitata a pagare le mensilità dovute al proprietario, per sistemarsi in uno dei locali, ad uso ufficio, di proprietà dell’Inps. Si tratta di locali in stato di abbandono, privi di servizi e inadeguati all’uso abitativo. “Si piazzano qui dentro, in ambienti sporchi e degradati e si attrezzano con bombole di gas e fili elettrici fuori norma”. Da quanto si apprende all’interno dell’edificio sarebbero in tutto 25 i locali occupati abusivamente. Nell’edificio di viale Le Corbusier la convivenza tra i regolari e gli abusivi è molto difficile e rischia di esplodere da un momento all’altro.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti