“A chi stòngo apprèsso?”, a Terracina la poesia dialettale di un mondo antico rivive nel Palazzo della Bonificazione

Rosella Tacconi e Alba Marteddu
Venerdì prossimo, 24 agosto, alle ore 18 all’interno del Palazzo della Bonificazione Pontina, in piazza Santa Domitilla a Terracina, si terrà la presentazione del libro “A chi stòngo apprèsso?” di Alba Marteddu e Rosella Tacconi.
Gli anni Settanta hanno segnato un punto di svolta nella Storia delle piccole e medie comunità, per quella di Priverno come per tante altre ciociare e lepine.
Chi è stato bambino in quel periodo, ha potuto condividere con i genitori alcune delle abitudini che loro avevano vissuto nella generazione precedente; ha goduto degli ultimi bagliori di un piccolo “mondo antico” che oggi non esiste più, ingoiato dal consumismo, dalla globalizzazione e dalla ipercomunicazione.
Alba Marteddu e Rosella Tacconi, con il libro “A chi stòngo apprèsso?” edito da Sintagma, attraverso la loro “madrelingua”, rievocano in rima i ricordi dell’infanzia e, con la schiettezza e l’immediatezza del dialetto, fanno rivivere atmosfere, personaggi, luoghi, riti e tradizioni, divertono ma soprattutto emozionano.
Le vicende narrate (“Glio vicolo meio”, “La Fiera nostra”, “Gli Gricigli”, “Glio comanno”, “La falia”, “’Ntonia gl’Alifante” e tante altre), partendo dallo spunto familiare, appartengono ad un patrimonio culturale territoriale. Il libro, inoltre, presenta una ricca appendice con una breve guida alla pronuncia e alla comprensione del dialetto locale, un glossario, una galleria fotografica.
Alla presentazione di venerdì pomeriggio, oltre alle autrici, parteciperanno il consigliere delegato e insegnante Barbara Carinci, il direttore editoriale di “Sintagma” Mauro Nasi.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti