Class action contro Acqualatina, l’appello per l’adesione lanciato dal comitato avvocati a 200mila utenti

Duecentomila utenti accomunati dal costo in bolletta delle partite pregresse 2006-2011 ritenute illegittime. Sono quelli di Acqualatina, ovvero ogni famiglia della provincia di Latina e quelle dei comuni della provincia di Frosinone e Roma appartenenti all’Ato 4. Hanno la possibilità di farsi restituire le relative somme versate al gestore del servizio idrico integrato attraverso “la più grande azione giudiziaria collettiva mai messa in campo in questo territorio”. Basta aderire alla class action. E’ quanto afferma in una nota stampa il comitato di avvocati (composto da Massimo Clemente, Vincenzo Fontanarosa, Christian Lombardi, Patrizia Menanno, Orazio Picano, Chiara Samperisi, Annamaria Zarrelli) che ha attivato la battaglia.

“Dal prossimo fine settimana – si legge nel comunicato – riprenderanno gli incontri con i cittadini e partirà una mobilitazione senza precedenti, con il coinvolgimento di decine di volontari, Associazioni dei consumatori, Comitati, Sindacati, Caf e Patronati che hanno già aderito alla nostra azione giudiziaria. Faremo partire una grande marcia per l’acqua che toccherà tutti i comuni dell’Ato 4. Una mobilitazione imponente che durerà sino all’ultimo giorno utile per consegnare le adesioni in Tribunale. L’obiettivo è non solo quello di far restituire i soldi ai cittadini da Acqualatina ma, anche, di riportare al centro del confronto un tema dirimente per lo sviluppo e la qualità della vita come l’acqua.”

Il Comitato comunica che i prossimi incontri, sia informativi che per la consegna e raccolta dei Moduli, si terranno a:

FONDI, 2/9/2018, Piazza Matteotti – ore 10,00-13,00 / 17,00-21,00

LATINA, 4/9/2018, Via G. Mameli, 87 – ore 10,00-13,00 / 15,00 – 19,30.

FORMIA, 5/9/2108, Piazza Vittoria, ore 17,00 – 20,30.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti