Latina, presentata la rassegna: “Latina ieri, oggi e domani, uno sguardo sulla città”

L’idea è venuta due anni fa “agli uomini di scuola” come li ha definiti il sindaco Coletta, ma solo ora è stata portata a compimento. La definizione calza a pennello a persone che hanno insegnato per anni e che per tutto il loro percorso professionale hanno avuto a che fare con i giovani e anche ora che sono fuori dalla scuola, mantengono la loro vitalità culturale. Vittorio Cotesta, Giorgio Maulucci, Rino Caputo, Antonio Polselli e Marcello Ciccarelli, sono i promotori di questa iniziativa, che “quando è stata pensata abbiamo discusso sul senso, sui contenuti e filo conduttore”, spiega l’assessore alla cultura Di Francia. La rassegna dura pochi giorni, “che io avrei volentieri allungato. Ma comunque l’importante è partire, precisa sempre l’Assessore. Con “Latina ieri, oggi e domani. Uno sguardo sulla città”, cerchiamo di mettere a sistema il nostro percorso culturale, dice il Sindaco nel suo intervento durante la conferenza stampa di presentazione del Festival che si è tenuta presso la sala multimediale del Museo Cambellotti. Non tacendo però che altre iniziative in questi giorni riempiono la città e che vede coinvolti i giovani. Testimonianza questa, di un fermento culturale che va assecondato e supportato, aggiunge. Anche perchè, sottolinea, è questo il Comune con la più alta percentuale di under 25. E bisogna cominciare a pensare al centenario di questa città.

Quando con gli altri abbiamo avuto questa idea, spiega Caputo, abbiamo avviato delle riflessioni. Su cosa potevamo fare per Latina. Un’idea si è concentrata sulla letteratura. E quindi non potevamo non pensare a Pennacchi.

Il 5 Ottobre presso il Teatro D’Annunzio, dunque si parte proprio con l’opera di Antonio Pennacchi, che verrà discussa, affrontata e approfondita da Rino Caputo ed altri ospiti. Il giorno dopo, il 6 ottobre, nuovi relatori discetteranno sempre della stessa opera.

Il paesaggio e l’architettura di Latina saranno al centro di un confronto su cinema e scrittura coordinato da Giorgio Maulucci con Dacia Maraini e Piera Degli Esposti. E per completare l’argomento verrà proiettato il film ‘Storia di Piera’ di Marco Ferreri, girato nel nostro territorio nel 1983. Sabato 13 Ottobre sarà presentata la ricerca coordinata dal professor Vittorio Cotesta sugli orientamenti dei giovani di Latina. La ricerca offrirà lo spunto per un’analisi comparata della condizione giovanile in Italia e in Europa. Scopo dello studio è stato quello di mettere in luce il rapporto dei giovani, i cosiddetti “millennials”, di Latina, con i simboli, i luoghi e la memoria della città.

Sempre questa mattina presso il museo Duilio Cambellotti sono state inaugurate due mostre, di Lelio Gelli e Virgilio Marchi, che sarà possibile visitare in questi giorni.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteSpaccio di eroina in provincia: quattro persone arrestate in un solo week end
Articolo successivoCori, una villa “Pd” al posto dell’opificio: quattro indagati
Mariassunta D'Alessio
Giornalista, scrittrice e blogger. Anni di giornalismo alle spalle, prima in città nei due quotidiani più importanti e poi a Roma per 20 anni e più, negli uffici stampa dei Ministri dell'Economia e Finanze e dell'Istruzione, Università e Ricerca. Fino a dirigere negli ultimi anni, Researchitaly, il portale della Ricerca Internazionale. Un'esperienza unica che l'ha portata a vincere anche importanti premi di giornalismo. Ora il suo occhio da cronista oltre che continuare a dirigersi verso cronache nazionali, per affezione torna a curarsi anche della città in cui vive. Si occupa di Pari opportunità praticamente da sempre. Ha scritto libri e realizzato interviste a donne importanti, come Rita Levi Montalcini ( a cui ha fatto la sua ultima intervista-testamento prima di morire), Margherita Hack e tante altre, scienziate e non.