Progetto Città Lepine al Museo Padre Saggi di Norma, il 13 ottobre il secondo appuntamento

Dopo la grande partecipazione di pubblico registrata nel corso del primo dei tre appuntamenti del ciclo “Vita semplice e raffinata in una città sui monti, da Norba a Norma”, il Museo civico archeologico Padre Saggi di Norma ospita il secondo incontro previsto nell’ambito del progetto “Città Lepine”, promosso dalla Compagnia dei Lepini e sostenuto dalla Regione Lazio, presentato dall’assessore alla Cultura Elisa Ricci, dalla direttrice scientifica del museo Stefania Quilici Gigli e dal dirigente SABAP Fr Lt Ri, Stefano Gizzi.

Sabato 13 ottobre il museo ospiterà e mostrerà altri interessanti reperti, eccezionalmente visibili al pubblico, provenienti dalle ricche case di Norba, testimonianza di particolari aspetti della vita domestica e religiosa praticata dagli abitanti dell’antica città oltre duemila anni fa.

A partire dalle ore 16.30, dopo i saluti del sindaco Gianfranco Tessitori e dell’assessore Elisa Ricci, Francesco Di Mario, funzionario archeologo SABAP Fr Lt Ri, introdurrà l’incontro intitolato “Pregare in casa, pregare per strada, pregare per la salute”.

La Sala delle muse, quindi, accoglierà gli interventi dei relatori: la professoressa Stefania Quilici Gigli, direttrice degli scavi archeologici condotti dall’Università della Campania Luigi Vanvitelli, descriverà gli “Altarini e oggetti per il culto trovati nelle case di Norba”, elementi particolarmente interessanti che, come sottolineato dalla stessa professoressa, “si distinguono, rispetto ad altri siti, per il numero consistente emerso nelle singole case e per la notevole varietà di tipi, mostrando una particolare cura per la loro conservazione e testimoniando un senso profondo di religiosità e attaccamento alla tradizione che, come notato sotto tanti altri aspetti, contraddistingueva la vita degli abitanti di Norba”. L’incontro seguirà con il contributo della professoressa Maria Fenelli, docente dell’Università di Roma “Sapienza”, su “Il dono degli dei e ai santi per la salute”. Giuseppe Onorati, storico locale, tra i fondatori dell’associazione Domusculta, chiuderà la conferenza riallacciando il filo della storia di Norba alle tradizioni e ai valori religiosi di Norma, descrivendo le edicole sacre ai crocicchi delle sue strade. Le stesse edicole saranno oggetto di una mostra fotografica allestita nel corso dell’evento e curata dall’associazione fotografica Obiettivo Fisso.

Al termine della conferenza, il pubblico sarà accompagnato all’interno di locali adiacenti al museo, legati alla storia e alla tradizione del paese, aperti per l’occasione grazie alla disponibilità e collaborazione dell’associazione Domusculta di Norma.

Ancora una volta il museo civico Padre Saggi, dalla sua postazione d’eccezione, sul Balcone dei Lepini, si dimostra uno scrigno di tesori da svelare e custodire, facendosi promotore di un’importante iniziativa per divulgare la ricchezza culturale del territorio, partendo dai reperti archeologici di Norba per giungere fino ai luoghi e alle tradizioni culturali del paese.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti