Latina, pannello di chiusura trasformato in muro della solidarietà: appesi abiti e cappotti per chi ne avesse bisogno

Cappotti e indumenti caldi per chi ne avesse bisogno. A Latina il pannello installato alla vigilia di Natale, di impedimento ai senzatetto di rifugiarsi nella vecchia sede del mercato annonario, si è trasformato nel muro della solidarietà. Lo dice una scritta sullo striscione che affianca la spiegazione, in più lingue, dell’iniziativa targata Partito comunista:  “Il vostro muro di intolleranza – si legge –  sarà la nostra solidarietà”.

Questa mattina militanti del Partito Comunista e del Fronte della Gioventù Comunista hanno risposto all’amministrazione comunale, che ha eretto dei muri là dove dormivano i senzatetto, attaccandovi sopra degli attaccapanni, dei cartelli recanti la scritta in più lingue “per coloro che ne hanno bisogno” e appunto il citato striscione. Sono stati posti degli indumenti pesanti e coperte sugli attaccapanni, “con la speranza – spiegano i militanti – che altri cittadini facciano altrettanto”. “Da sempre le amministrazioni di questa città – si legge in una nota stampa del Partito comunista – hanno discriminato i più poveri e nulla è cambiato con la nuova amministrazione: soli ed allontanati. Ci si limita a proclami e a comunicati che sostanzialmente dicono che va tutto bene, che tutto funziona e che chi è in mezzo alla strada lo fa per propria scelta: rifiuta gli aiuti. Negli anni passati il dormitorio dell’emergenza freddo è arrivato ad ospitare fino a 130 persone, stipate in una struttura che non avrebbe potuto contenerle, ma l’umanità degli operatori non ha guardato alle regole o ai numeri, quest’anno il dormitorio, di sessanta posti, non è al completo eppure i poveri sono aumentati e se un grande numero di questi preferisce dormire all’aperto forse c’è un problema nella gestione del fenomeno, ma questo non si può dire senza scatenare le ire dell’amministrazione targata Latina Bene Comune”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti