Terracina, rinvenuto un revolver nei giardini dell’ospedale. L’arma sequestrata all’esame degli specialisti della Polizia Scientifica

Un revolver Olympic 38 a salve, privo del prescritto tappo rosso, è stato rinvenuto nel giardino dell’ospedale “Alfredo Fiorini” di Terracina e posto sotto sequestro dagli agenti del locale commissariato di Polizia. A segnalare la presenza dell’arma, notata tra la vegetazione dell’area verde del nosocomio, è stata una guardia giurata in servizio presso il Fiorini.

Questo tipo di arma quando esce dalla casa di produzione è un’arma innocua, che esplode solo proiettili caricati a salve ma, come già riscontrato in numerose indagini condotte dalla Polizia di Stato in tutto il territorio nazionale, una “Olympic 38”, modello “8mmK” è una pistola a tamburo facilmente modificabile in un potente revolver, sostituendo semplicemente la canna originariamente otturata – così come prevede la legge per questo genere di armi – per esplodere proiettili veri del calibro 38 special. Inutile dire che la pistola non aveva la sua originaria matricola, del tutto scomparsa, lasciando prevedere che era pronta per essere trasformata in una rivoltella perfettamente funzionante da utilizzare in azioni criminali. La pistola è ora all’esame degli specialisti della polizia scientifica del Commissariato per i rilievi dattiloscopici, così come si stanno analizzando i filmati del sistema di videosorveglianza dell’ospedale al fine di individuare, eventualmente, la persona che si è disfatta del revolver rinvenuto.

Poco più di due mesi fa, il rinvenimento, di un arsenale in un campo incolto a ridosso dello stesso ospedale.

Arsenale per rapine e assalti, nella “santabarbara” sequestrata a Terracina anche una mitraglietta tedesca della seconda Guerra mondiale

LE VOSTRE OPINIONI

commenti