Stabilizzazioni alla Asl di Latina, dopo anni di precariato la firma davanti a Zingaretti. Il video

Un posto di lavoro fisso alla Asl di Latina, dopo anni e anni di precariato. Oggi l’assunzione di 87 figure professionali della sanità con contratto a tempo indeterminato, con tanto di firma davanti al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, giunto a Latina per dare a questo momento il suo significato: “La Regione sta superando la lunga stagione del blocco del turnover – ha detto Zingaretti nel corso del suo intervento al Goretti – e sta entrando in una nuova fase, una stagione caratterizzata da assunzioni e stabilizzazioni. Con le assunzioni di oggi superiamo le 200 unità stabilizzate a partire dal 2018 ed entro il 2020 la sanità pontina potrà raggiungere le 572 unità programmate”.

Nella sala della palazzina direzionale, presso l’ospedale di Latina, alla presenza del direttore generale della Asl pontina Giorgio Casati, dell’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato, del direttore sanitario della Asl di Latina Giuseppe Visconti, la firma contrattuale di sei professionalità in rappresentanza di tutte le figure stabilizzate in questa tranche, dagli infermieri, ai medici al personale tecnico-amministrativo. Tra di loro c’è qualcuno che ha atteso 20 anni, qualcuno che si commuove, qual altro che dimentica di stringere la mano al presidente Zingaretti.

Di seguito il video della cerimonia e le foto della conferenza, rinviando ad altro servizio gli altri temi toccati sulla sanità nel Lazio e nella provincia di latina, alla presenza del sindaco di Latina Damiano Coletta, del presidente della Provincia Carlo Medici, del presidente della commissione Sanità della Regione Lazio Giuseppe Simeone, dei consiglieri regionali eletti in provincia di Latina Enrico Forte e Salvatore La Penna. In sala anche tanto Partito democratico: dal segretario provinciale Claudio Moscardelli al segretario comunale Alessandro Cozzolino, con la sua divisa da operatore della sanità, l’assessore comunale alla Cultura Silvio Di Francia.

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti