Latina, “Bianco, rosso e pontino” debutta al Cambellotti con Casale del Giglio

L'enologo Paolo Tiefenthaler e Antonio Santarelli

Taglio del nastro domenica per il progetto dell’assessorato alla Cultura del Comune di Latina “Bianco, rosso e pontino, presentato nei giorni scorsi presso il museo Cambellotti. Si tratta di un percorso enogastronomico lungo il quale le aziende vinicole del territorio e i birrifici pontini racconteranno le loro esperienze come produttori attraverso uno storytelling sviluppato con materiale fotografico e video. Di volta in volta il pubblico sarà accompagnato alla scoperta della storia, della cultura, delle bellezze e delle bontà della provincia di Latina.

Il comparto enogastronomico è una voce importantissima del turismo nazionale. Nell’ultimo anno le nostre esportazioni sono aumentate di circa il 7%: la performance più brillante degli ultimi anni. “Bianco Rosso e Pontino vuole contribuire a tale crescita”, fa sapere l’amministrazione comunale.

Domenica 10 marzo l’Azienda Casale del Giglio aprirà alla serie di appuntamenti con un viaggio nell’azienda attraverso la voce di Antonio Santarelli che ne racconterà la storia; la domenica successiva (17 marzo ore 11) il pubblico sarà accolto in cantina per una visita guidata.

Casale del Giglio è stata fondata nel 1967 dal dottor Berardino Santarelli, ad oggi ha provveduto a riconvertire a filare tutti i suoi 160 ettari di vigneto e ad introdurre nuove varietà caratterizzate dall’alto grado di interazione qualitativa con il territorio. La produzione offre una gamma di 20 prodotti (bianchi, rosati e rossi, una Vendemmia Tardiva, tre grappe e un olio extra vergine). Per la degustazione guidata al Museo, sono otto le etichette che verranno presentate: Albiola 2018, Vionier 2017, Petit Manseng 2017, Shiraz 2017, Petit Verdot 2017, Madre Selva 2015, Aphrodisium 2016.

L’ingresso alla manifestazione ricordiamo è gratuito, tutte le info ai numeri 0773-486916 e al 345.333.06.42.  Il secondo appuntamento al Museo sarà domenica 24 marzo ore 17:30, con l’Azienda Marco Carpineti di Cori.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti