Urban Center Latina, lavori in corso per la costituzione formale. Tre appuntamenti per saperne di più

Lavori in corso per l’Urban Center di Latina. Dopo la presentazione pubblica, avvenuta in Comune lo scorso 12 dicembre, del progetto che assumerà il nome di “Casa della città e del territorio” si passa ora alla fase costituente. Calendarizzati i prossimi tre appuntamenti per raccogliere le adesioni ma anche per non lasciare nessuno indietro.

Si inizia martedì 26 marzo 2019, alle ore 17, presso la sede dell’Ordine degli ingegneri di Latina, incontrando Ordini, Collegi ed Albi professionali. Si proseguirà con gli enti portatori d’interessi (camere, consorzi, agenzie, cooperative, associazioni di categoria e sindacali, associazioni dei consumatori, organizzazioni professionali), presso la sede della Federlazio di Latina, alle 17 di mercoledì 3 aprile e, quindi, con tutte le libere associazioni di Latina mercoledì 17 aprile, sempre alle 17, presso la sala “De Pasquale” – sede comunale. 

Come nasce l’Urban center Latina – Casa della città e del territorio 

L’Urban Center”, diffuso negli Usa e nei paesi europei più avanzati, è approdato a Latina grazie all’intuizione del consigliere di opposizione Matteo Coluzzi che ha proposto una mozione ad hoc che è stata approvata il 5 maggio 2017 e successivamente l’Urban center è stato organizzato sotto forma di associazione con delibera di Consiglio comunale numero 53 del 20 luglio 2017, approvata all’unanimità. 

Che cos’è l’Urban center Latina – Casa della città e del Territorio

Come spiegato da Celestina Mattei, presidente della commissione Urbanistica del Comune di Latina, consigliera comunale di Latina Bene Comune, l’associazione Casa del cittadino e del territorio – Urban center Latina, che avrà una sede messa a disposizione dall’ente municipale, ha lo scopo di potenziare la facilità e la regolarità del rapporto con l’Amministrazione comunale, per il miglioramento e l’avanzamento della città, prevalentemente nell’ambito della Provincia di Latina, con particolare riferimento al territorio comunale di Latina; per il sostegno sul piano scientifico e culturale, attraverso i metodi della partecipazione e della comunicazione, ai processi di trasformazione della città di Latina e dell’area territoriale ad essa naturalmente, culturalmente ed economicamente limitrofa; per la promozione e formazione volti a diffondere la cultura e la conoscenza su temi sociali, culturali, economici, dell’architettura e dell’urbanistica; per la ricerca e lo sviluppo di forme di collaborazione e sinergia con associazioni culturali, scientifiche, sociali ed economiche che perseguano analoghe finalità; per sostenere  il principio che nelle varie discipline di progetto, attinenti alla trasformazione degli spazi (residenziali, agricoli, industriali, commerciali, a verde, o comunque destinati alla vita umana e di tutti gli esseri viventi), sia sempre garantito tra gli attori un processo di collaborazione e di reciprocità.

Altri benefici del progetto 

Già la Legge 7/’17 della Regione Lazio, sulla “Rigenerazione Urbana” prevedeva l’assunzione di questa nuova metodologia – spiega l’ingegnere Attilio Drigo, tra i relatori del prossimo appuntamento – , ma la rigidezza propria di tutte le strutture comunali, che non avessero adottato appositi strumenti organizzativi, rendeva praticamente impossibile la sua attuazione. La ‘Casa della città e del territorio’, con i suoi collegamenti diretti e veloci con la dirigenza comunale, tanto amministrativa quanto politica, dovrebbe essere messa in grado, stante la ‘promozione comunale’ inserita nel suo statuto costitutivo, di risultare uno snello ed aperto centro di contatto e trasmissione (in entrambi i sensi già richiamati). Questo il compito principale della costituenda associazione. Ma non basta. Tra i suoi altri molteplici e importanti compiti è appena il caso di segnalare l’effetto ‘rete’. Finalmente si avrà un luogo fisico dove sarà semplice realizzare quella rete di interessi e di progetti, di cui sempre si parla ed alla quale sempre si aspira (dai cittadini, dalle associazioni, dai portatori d’interesse tutti)”.

Qui una scheda in pdf riepilogativa del progetto di Urban center di Latina

L’invito della consigliera Mattei ai cittadini di Latina è quello di prendere parte alle iniziative divulgative in programma per comprendere la portata del progetto ed eventualmente entrare a farne parte.

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti