Impianti idrovori di Mazzocchio e del canale Linea, 900mila euro per lavori di manutenzione

Salvatore La Penna ed Enrico Forte

A seguito delle straordinarie condizioni meteorologiche che  si sono verificate nella provincia di Latina tra il 29 e 30 ottobre 2018, con danni e vittime in particolare a Terracina,  fu dichiarato lo stato di calamità naturale con la relativa definizione di un piano di investimenti  per la  messa in sicurezza del territorio.

In queste ore, con la nomina del Responsabile unico del procedimento presso la struttura competente della Regione, si compie l’ultimo atto decisivo all’apertura di due importanti cantieri nella provincia di Latina, in particolare nella zona strategica di Pontinia per quanto riguarda l’assetto idrogeologico.

“Si tratta – spiega il consigliere regionale del Pd Enrico Forte – della ‘Manutenzione straordinaria dell’impianto idrovoro di Mazzocchio’ (intervento da 565.894 euro), e della ‘Manutenzione straordinaria degli impianti idrovori in destra idraulica del canale Linea Pio -Striscia e Sega – (intervento da 284.256 euro). Un fatto  importante, che si unisce alle risorse già messe in campo per interventi sia emergenziali sia strutturali previsti nella provincia di Latina, duramente colpita in uno dei suoi settori più importanti, ovvero l’agricoltura”.

“Questo intervento – aggiunge Salvatore La Penna, altro consigliere regionale del Pd – rappresenta un ulteriore ed importante passo in avanti verso la sostanziale realizzazione di un piano di interventi di manutenzione straordinaria delle opere idrauliche e degli impianti di bonifica dell’Agro Pontino; si aggiunge al riallineamento delle risorse ordinarie destinate al Consorzio di Bonifica da parte della Regione e al milione di euro per interventi straordinari stanziati nell’ultimo bilancio anche attraverso l’accoglimento dei contenuti di un emendamento da me presentato. Continueremo nella direzione della sensibilizzazione rispetto alla condizione peculiare della nostra pianura  pontina, strappata  all’acqua dalla bonifica; come già più volte ribadito i mutamenti climatici globali, la tropicalizzazione del clima, fenomeni alluvionali alternati a periodi di siccità, hanno dato ampiamente prova di come tali manifestazioni non rappresentino un fatto episodico, ma un problema che si presenta con ormai preoccupante frequenza. L’impatto di tale problematica sul comparto agricolo, sul sistema produttivo ed infrastrutturale e sulla sicurezza delle persone è tale da rendere necessario un intervento straordinario su impianti idrovori, parco mezzi meccanici, impianti irrigui e sistemi di monitoraggio. Appare al contempo evidente – conclude – la necessità di adeguamenti normativi sulla legge regionale 53/98 che semplifichino il quadro delle competenze e migliorino l’efficacia della gestione ordinaria di un aspetto così decisivo per la vivibilità del nostro territorio. È una delle grandi sfide del prossimo futuro per le nostre comunità, di fronte alla quale è necessario farsi trovare pronti”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti