Fondi, finanziere arrestato per droga nega dal gip: “Mai ceduto eroina”

furti in villa

Ha negato le accuse il brigadiere della Guardia di Finanza in servizio a Fondi arrestato la scorsa settimana con l’accusa di aver ceduto una dose di eroina ad un suo informatore. L’uomo ha detto al giudice per le indagini preliminari, Pierpaolo Bortone, di non aver mai consegnato droga al giovane.

Ha spiegato, assistito dal suo avvocato Giulio Mastrobattista e a domanda del giudice, di non sapere perché il ragazzo, che poi si era sentito male ed era finito in ospedale, abbia detto che a cedergli la droga sia stato proprio lui.

La vicenda non è ancora del tutto chiara. Il finanziere avrebbe arrestato qualche anno fa il ragazzo che ora lo accusa, ma nel tempo era diventato un confidente. Al fratello, però, che  lo aveva trovato in fin di vita aveva fatto il nome del militare. In un primo momento aveva detto che era la prima volta che gli cedeva la droga, poi invece che l’aveva già avuta in altre occasioni, senza specificare dove e quando.

Sempre secondo il denunciante nel momento in cui avrebbe preso la sostanza stupefacente, il 6 luglio scorso, il finanziere era in macchina insieme a due colleghi che avrebbero visto la cessione.

Il finanziere si trova agli arresti domiciliari dall’esecuzione dell’ordinanza di misura cautelare. L’avvocato, dopo l’interrogatorio di garanzia, ha chiesto l’annullamento della misura o una meno afflittiva. Il giudice su questo si è riservato.