Pd verso il congresso, Giovani democratici: “No a mero conteggio tessere”

    I Giovani Democratici auspicano che il prossimo congresso del Pd, annunciato qualche settimana fa dalla segretaria comunale di Latina, non sia ricondotto a un mero conteggio tessere.

    “Rimaniamo convinti – spiegano i giovani dem – che non basterà un congresso per rispondere alle numerose ed oggettive, anche a detta dello stesso gruppo dirigente comunale, criticità che interessano il nostro partito. Il solo e mero rinnovamento dell’organigramma, evidentemente necessario, rischierebbe di eludere il vero tema politico cui questo congresso dovrebbe invece essere chiamato: rifondare interamente la visione della società (che non è un tema di sola ‘esclusività nazionale’) e dell’iniziativa politica, anche localmente, dando luogo ad un dibattito che sia il più largo e aperto possibile”.

    I Giovani Democratici sottolineano “la grande necessità di dare vita a processi di elaborazione larghi e condivisi”.

    “Con questo spirito – prosegue la nota stampa – va letto il nostro impegno durante la campagna congressuale nazionale di marzo scorso, i numerosi incontri di riflessione svolti con associazioni e organizzazioni vicine, nonché la formulazione con quegli stessi gruppi di prospettive di lavoro a lungo termine, il nostro impegno nella passata stagione autunnale e, infine, nelle ultime settimane, varie iniziative di confronto assembleare e libero (che proseguiranno), volte a coinvolgere iscritti, stimolare ed aprire la discussione a chi sta fuori, a chi sta dentro ma si sente perduto, a chi ci guarda con disillusione, a chi ci vorrebbe diversi o a chi, semplicemente, senta la necessità di portare un contributo, partendo dal presupposto che ognuno è una risorsa”.

    “Vigileremo ed auspichiamo che il congresso ormai prossimo non sia soltanto una prova di forza tra correnti, una mera conta interna cui in passato siamo spesso stati abituati. Invitiamo dunque a non seguire e diffidiamo qualsivoglia pratica di tesseramento irregolare o ‘poco etica’: pretendiamo rispetto per una comunità che chiede maggiore coinvolgimento, chiarezza, in diverse misure discontinuità e ci batteremo per essa”, concludono.