Sabaudia, tormenta le amiche del marito: rigettata richiesta del carcere

furti in villa

Il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Latina, Molfese, ha rigettato questa mattina la richiesta dell’aggravamento della misura cautelare per la 47enne di Sabaudia finita ai domiciliari dopo una lunga serie di denunce. La donna, difesa dall’avvocato Valentina Macor, è accusata di aver stalkerizzato 13 persone, perché a suo dire avrebbero intrattenuto relazioni sentimentali con il marito, dal quale si sta separando.

Nonostante fosse ai domiciliari avrebbe continuato a scrivere su Facebook e a mantenere nelle presunte vittime uno stato di ansia e preoccupazione. Due di queste in particolare avevano aggiornato la denuncia e il pubblico ministero aveva così chiesto che l’indagata fosse ristretta in carcere.

Il giudice ha ritenuto che non ci fossero i presupposti, anche se l’ha invitata a stare lontano dai social.

CONDIVIDI
Articolo precedenteTorna al “Palazzetto” il Latina Danza Festival 
Articolo successivoNel Lazio l’anagrafe pubblica dei rifiuti, ok dalla commissione
Silvia Colasanti
Giornalista pubblicista dal 2009 ha cominciato a scrivere nel 2005. Laureata in Scienze politiche, con un Master in Diritto europeo, ha lavorato per tre anni (tra le altre esperienze) nella redazione de Il Tempo Latina, poi come redattrice al Giornale di Latina. Si occupa essenzialmente di cronaca, in particolare di cronaca giudiziaria.