Sezze, la presentazione del libro “A dimora le rose” di Antonella Rizzo

Antonella Rizzo

“Con grande versatilità linguistica, l’autrice riporta alla luce cinque storie esemplari di donne nate in epoche e contesti diversi e dà loro voce facendoci udire il suono del loro più profondo sentire in poemetti teatrali in forma di monologo e di dialogo”.  E’ quanto scrive Francesca Bellino, giornalista di Rai3, del Mattino di Napoli e del Messaggero, nella prefazione del libro “A Dimora le Rose – Storie di donne infedeli al destino” di Antonella Rizzo” . Libro che sarà presentato, nell’ambito dalla rassegna letteraria “L’ora del tè e delle parole”,  sabato pomeriggio alle 17,30 presso il Bar Arduini Delizie Setine di Sezze.

Oltre all’autrice, interverranno Antonio Veneziani, poeta, saggista ed editor, Dona Amati, presidente della casa editrice FusibiliaLibri, e Maurizio Valtieri, scrittore. I quattro poemetti teatrali che compongono l’antologia sono dedicati a Cleopatra, Marie Madeleine D’Aubray e Olimpia Mancini (due famose protagoniste dell’Affare dei veleni ai tempi del Re Sole) e Plotina, moglie dell’imperatore Traiano. Il loro scopo i, particolare è di dar voce al femminino più profondo e distrutto dalla “condanna della memoria”   compiuta dagli storici con una verità in forma di “testamento”, narrata dalle stesse protagoniste con uno stile lirico e poetico.

I testi non sono stati scritti con l’intenzione di rappresentare un corpo unico, anzi, rappresentano epoche diverse di vita e di scrittura: un paio nascono da collaborazioni istintive e empatiche con altri artisti, ma tutte le donne narrate rappresentano il sé femminile più recondito  e   travagliato.  Donne che  hanno   delle   affinità   che  le  lega   e  le   identifica:  la ribellione a una vita già decisa per stirpe e appartenenza sessuale, la vivacità intellettuale, la lotta per la sopravvivenza dei propri desideri nel quotidiano. Oltre alla prefazione di Francesca Bellino, il libro reca una nota critica di Francesca Benedetti, considerata la più rappresentativa attrice italiana della vecchia generazione. Nata a Roma, Antonella Rizzo è poetessa, scrittrice e performer. Ha pubblicato: Il Sonno di Salomè, Confessioni di una giovane eretica, Cleopatra Divina Donna d’Inferno, Irataie (pièce teatrale com Maria Carla Trapani) e Plethora. Presente in molte antologie di poesia, partecipa come poetessa e performer a eventi culturali a carattere nazionale e internazionale, a cortometraggi, pièce teatrali, in collaborazione con artisti visivi e musicisti.

La presentazione del libro è il terzo appuntamento della rassegna letteraria “L’ora del tè e della parole”, evento promosso dall’Atelier Angelus Novus onlus e da Arduini Delizia Setine con il patrocinio dell’Assessorato ala Cultura del Comune di Sezze.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti