Trattamento dell’infarto, a Latina tempi ottimali. La Asl: “Chiamare sempre il 118”

Il Santa Maria Goretti nei giorni scorsi ha ottenuto il primato per la cura dell’infarto. “Un ottimo traguardo che è stato possibile raggiungere grazie al lavoro di squadra, e che è stato opera di una équipe capace di lavorare a 360 gradi”. A sottolinearlo è stato il direttore generale della Asl, Giorgio Casati, durante una conferenza stampa che si è tenuta oggi in video ed alla quale erano presenti anche il professor Francesco Versaci, primario della Cardiologia del Goretti, e il direttore sanitario dell’ospedale Giuseppe Visconti. Una squadra ben organizzata, tanto è vero che Latina è nella top ten anche classifiche sempre stilate dalla Società italiana cardiologia ed emodinamica .

Come è stato possibile raggiungere questo risultato? Grazie ad una rete molto ben strutturata: quando arriva la chiamata al 118, si attiva un sistema che porta il paziente direttamente in sala, passando dal pronto soccorso non fisicamente ma solo dal punto di vista amministrativo. Si risparmia tempo prezioso.

“Credo sia importantissimo far passare il concetto di rapidità dell’intervento – ha detto Casati – Stiamo infatti preparando una campagna su questo tema”. Sbagliato quindi pensare che mettersi in auto per andare in ospedale da soli, affaticandosi ulteriormente e senza controllo medico immediato, sia una scelta che porterà ad essere curati prima. C’è una rete che funziona e che ha dato risultati ottimi: il trattamento dell’infarto entro 90 minuti, anche in condizioni difficili. Quindi chiamare il 118, sempre.

CONDIVIDI
Articolo precedentePistole, tirapugni e una maschera da clown in casa: arrestato 31enne
Articolo successivoCoronavirus, oggi zero casi a Latina e provincia
Stefania Belmonte
"La smetta di frequentare il passato, cerchi di frequentare il futuro" (A. Tabucchi, "Sostiene Pereira", 1994). Ho amato il lavoro di giornalista anche grazie a questo libro. Guardare avanti sempre, con ottimismo e fiducia, credo sia la ricetta giusta. Amo la libertà di pensiero, costruttiva, priva di luoghi comuni. Da una vita sulla carta stampata e sul web, con qualche passaggio in radio, scrivo di cronaca e di politica. Laureata in Scienze della Comunicazione. Giornalista pubblicista dal 2008.