Nella tana delle “fere” inizia il nuovo ciclo Gautieri

122

La classifica preoccupa di brutto, e sarebbe ancor più preoccupante se si dovesse uscire con un nulla di fatto anche dal “Liberati”. Sarà per questo che il debutto di Carmine Gautieri sulla panchina del Latina assume particolare importanza: il successore di Chiappini deve fare risultato, non sono ammessi ulteriori passaggi a vuoto ad una truppa che ha perso troppi punti per strada in un mese di febbraio a dir poco catastrofico.

 

“TUTTI PREDISPOSTI PER UNA MENTALITA’ IMPORTANTE”

Gautieri ha parlato alla vigilia, il che è già notevole. Ha parlato, sottolineando gli aspetti confortanti di questa prima settimana trascorsa in terra pontina: “Abbiamo lavorato bene, ho trovato un gruppo recettivo su tutto! Vivendo con lo staff nello stesso hotel abbiamo fatto tante riunioni cercando di trovare le giuste soluzioni. Dovremo arrivare a una mentalità importante ma mi conforta aver visto grande applicazione dai giocatori e aver trovato grandissima predisposizione da parte di tutti, dal gruppo ai magazzinieri”.

 

NIENTE ACOSTY, OUT ANCHE DI GENNARO

Acosty ha gettato la spugna, al pari di Schiattarella e di un Di Gennaro ancora alle prese con un problema ad un gomito. Il capocannoniere nerazzurro mancherà tanto ad una squadra dipendente dai suoi guizzi, a dire il vero poco efficaci ultimamente: “Acosty nel suo ruolo fa la differenza ma ora deve farlo chiunque scende in campo!”. Quasi sicuramente giocheranno Ammari e Dumitru a sostegno della punta centrale, da scegliere tra Boakye e Corvia. In mediana, invece, praticamente certo l’impiego di Olivera, Mariga e Scaglia.

gautieri

BREDA “PERICOLANTE”

Roberto Breda ritroverà il suo Latina con l’obbligo di vincere, per riscattare il ko del derby con il Perugia e per restituire solidità alla sua barcollante panchina. Il trevigiano ha recuperato capitan Coppola ma dovrà fare a meno dello squalificato Valjent e degli infortunati Zampa e Monteleone.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti