Latina, la Curia apre il Centro servizi “Policoro” per i giovani che cercano lavoro

198

E’ stato avviato presso la Curia diocesana di Latina il Centro servizi del progetto “Policoro”, voluto dal vescovo Mariano Crociata, per supportare e orientare i giovani che sono alla ricerca di un impiego, attraverso una sinergia tra gli uffici diocesani per la pastorale sociale, della pastorale giovanile e della Caritas.

Lo sportello

Il Centro servizi “Policoro” sarà aperto al pubblico il martedì, dalle 9 e trenta alle 12 e trenta e il venerdì dalle 15 alle 18. Il coordinamento delle attività sarà curato dalle animatrici di Comunità della diocesi, Daniela Pasquali e Valentina Fanella, cui spetterà accogliere i giovani che hanno necessità di confronto nell’ambito lavorativo. Scopo dell’iniziativa è quello di fornire ai giovani interessati informazioni utili ad orientarsi nel percorso necessario a realizzare un’impresa o a perseguire altri risultati in ambito lavorativo.

La ricerca sul territorio

Compito del centro servizi è anche quello di favorire l’utilizzo di risorse, strumenti e altre opportunità presenti sul territorio locale, oltre alla promozione di percorsi di evangelizzazione, educazione e formazione secondo la visione cristiana del buon lavoro. I giovani saranno seguiti nella scrittura di un buon curriculum vitae o nella preparazione per affrontare un colloquio di lavoro, o ancora riceveranno sostegno nella scelta delle strategie utili per rafforzare la rete di conoscenze e ad accedere a nuove opportunità di lavoro. Riceveranno informazioni sul Servizio Civile, su Garanzia Giovani, sull’alternanza scuola lavoro, i tirocini formativi, il microcredito, l’esdebitazione e i Piani di Sviluppo Rurale in agricoltura.

Restituire ai giovani la speranza

La Diocesi pontina ha deciso di continuare a investire e a dare fiducia ai giovani affinché siano protagonisti del loro futuro attraverso il progetto Policoro, che è nato tre anni fa da una proposta della Cei, e che oggi con 570 cooperative dà lavoro in Italia a oltre 8000 persone, permettendo a migliaia di giovani di credere di nuovo in se stessi e nella società in cui vivono.

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti