Latina, arrestato il secondo autore della rapina in danno alla farmacia Salvagni

264

La Polizia di Stato – Questura di Latina,  ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare del Gip del Tribunale di Latina Matilde Campoli, su richiesta del Pm Claudio De Lazzaro, a carico di Remo Giordano, 47enne di Aprilia, già noto alle forze dell’ordine, poiché gravemente indiziato di essere il complice del catanese Antonio Faro, per la consumazione  della rapina in danno di una farmacia Salvagni di via dell’Agora.

Lo scorso 11 luglio  verso le ore 12, una persona travisata, dopo aver fatto irruzione nella farmacia, esplodeva un colpo di pistola verso l’alto che provocava lo svenimento di una cliente colta da forte paura, dopodiché, si faceva consegnare la somma di circa 700 euro presenti nelle casse, fuggendo subito dopo. Gli investigatori della Squadra Mobile, seguendo le tracce di un’autovettura che si era allontanata dal posto, giungevano fino a Campo di Carne nel Comune di Aprilia e a seguito di verifiche e perquisizioni, fino a rintracciare il pregiudicato nato e residente a Catania,  Antonio Faro classe 1986, che aveva dichiarato un falso nome e presentato documentazione attestante l’identità, intestata ad altra persona doveva scontare una pena detentiva di due anni e mezzo. La perquisizione a casa di Faro consentiva di ritrovare la pistola, una parrucca da donna e il bottino della rapina alla farmacia, nonché altri oggetti utili alle indagini; pertanto valutato il fondato pericolo di fuga , Faro veniva sottoposto a fermo di polizia giudiziaria. In concomitanza con tale fermo, veniva identificata la persona che aveva fornito ospitalità al rapinatore fermato, vale a dire Remo Giordano residente ad Aprilia. Gli approfondimenti investigativi hanno portato gli inquirenti ad acquisire gravi indizi circa il concorso nella rapina alla farmacia Salvagni, da parte di Giordano il quale aveva preparato il colpo ed accompagnato il complice Antonio Faro, aspettandolo fuori, agevolandone la fuga e fornendo il successivo nascondiglio. Remo Giordano è stato associato presso la locale Casa Circondariale.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti