Latina, quello strano delitto di don Cesare negli atti parlamentari. Cipriani rispolvera l’interrogazione di Piscitello

226

Il libro di Felice Cipriani “Quello strano delitto di don Cesare” sarà presentato a Roma il 7 novembre prossimo. Nelle pagine del libro-inchiesta sul giallo irrisolto dell’Agro Pontino, per il quale si continua a chiedere giustizia: don Cesare Boschin, parroco di Borgo Montello, fu brutalmente assassinato nella notte tra il 29 e 30 marzo 1995. Nelle pagine di Cipriani si ripercorre la vita e la morte del sacerdote “ecologico” che prima di tutti denunciò il traffico di rifiuti sui campi attorno dei suoi parrocchiani. E mentre i familiari di don Cesare hanno recentemente chiesto alla Procura di Latina di riaprire le indagini, potendo così accedere ai fascicoli dell’impolverata quanto inconcludente inchiesta, Cipriani continua la sua ricerca per la verità.

Il giornalista scrittore, infatti, ha contattato Calogero Piscitello che nel corso della XIII Legislatura presentò un’interrogazione ai ministri dell’interno, di Grazia e Giustizia, delle Finanze e dell’Ambiente per chiedere conto delle ragioni della sottovalutazione dell’impegno pastorale di don Boschin contro le presenze mafiose sul territorio e delle iniziative della comunità religiosa di Borgo Montello contro gli alti inquinamenti ambientali e politici determinati dalla discarica. Con la sua interrogazione Piscitello, ad un anno del delitto, chiedeva le ragioni del mancato risanamento ambientale di Borgo Montello e se fossero stati controllati gli atti relativi alle compravendite dei terreni per l’individuazione dei reali proprietari delle attività imprenditoriali ubicate a ridosso della discarica stessa e ancora se fosse corrisposta al vero la notizia secondo cui si sarebbe voluta realizzare nella stessa zona di Borgo Montello un mega-inceneritore per rifiuti urbani e speciali. Molti di questi interrogativi mantengono, a distanza di venti anni, la loro attualità non soltanto per la soluzione del giallo relativo all’assassinio del sacerdote ma anche per il destino degli abitanti di Borgo Montello. Cipriani è a caccia della risposta fornita dagli allora ministri interrogati dal deputato del gruppo misto.

La memoria di don Cesare Boschin è ancora viva nel borgo di Latina; negli ultimi anni il sacerdote, originario di Trebaseleghe in provincia di Padova, è diventato simbolo della lotta alle mafie.

Il 30 settembre scorso, Damiano Coletta, sindaco del capoluogo pontino, in un incontro con gli abitanti di via Monfalcone in cui si discuteva sul “ristoro” per la presenza della discarica, fonte di 40 anni di disagi, ha detto di voler intitolare un luogo, una strada o una piazza di Latina a don Cesare, paladino della legalità.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti