Fondi, “Mangiando si impara: nutrizione e sviluppo agricolo”. il seminario delle Acli

147

Si apre con l’appuntamento di venerdì, 11 novembre, alle 17, presso il centro anziani Domenico Purificato di piazza IV Novembre a Fondi, il primo dei tre incontri previsti dal seminario “Mangiando si impara: nutrizione e sviluppo agricolo a servizio degli anziani”, promosso dal circolo The Land Service di Fondi, con la collaborazione delle Acli provinciali di Latina e di Acli Terra.

I temi

Le eccellenze agricole della piana di Fondi, le possibilità di sviluppo imprenditoriale grazie ai fondi europei ma anche le scelte da attuare a tavola per poter vivere meglio e contrastare l’insorgere o lo svilupparsi di alcune malattie, sono tra i temi presi in esame dal seminario, che dopo l’incontro dell’11 novembre, prevede altri due appuntamenti il 13 gennaio e il 3 febbraio 2017.

Gli interventi

Nel corso del primo incontro interverrà lo chef internazionale, premiato dal Gambero Rosso, Agostino Mastrogiacomo (consigliere provinciale delle Acli) mentre negli altri due seminari il pubblico si confronterà con un biologo nutrizionista e con un agronomo.

Le potenzialità del territorio

Tra le finalità dell’iniziativa, c’è soprattutto la necessità di riaffermare le potenzialità del comparto agricolo del territorio – spiegano i promotori – descrivendo anche quali sono le possibilità di sviluppo garantite dai fondi europei. “L’intento è quello di fornire delle istruzioni per l’uso che i nonni potranno poi riportare ai nipoti, che sono comunque invitati a intervenire – spiega Silvia Russo, presidente del circolo Acli – Le possibilità in questo campo per noi fondamentale sono tante, sia dal punto di vista lavorativo che sociale. Basti pensare agli incentivi per l’istituzione di fattorie didattiche e agriturismi. E’ un comparto che offre molteplici opportunità che però vanno conosciute e intercettate”.

Buone pratiche e prodotti di stagione

L’occasione, inoltre, sarà utile per approfondire le buone pratiche da tenere a tavola privilegiando i prodotti di stagione e riproponendo i piatti della tradizione in modo da consentire uno sviluppo sano della persona. Non mancheranno riferimenti a quei cibi che possono essere utili a vivere in serenità la cosiddetta terza età nonché l’importanza della dieta in caso dell’insorgenza di alcune patologie. “Tengo a sottolineare l’importanza di questi incontri – ha dichiarato il presidente provinciale delle Acli Maurizio Scarsella – risultato dell’impegno, che da anni ben due circoli dell’associazione, ripongono sul territorio soprattutto sul comparto agroalimentare”.

 

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti