Priverno, anziana bruciata dalla candela. Al vaglio la dinamica della tragedia, disposta l’autopsia

E’ giallo sulle cause del decesso di Italia De Angelis, l’86enne di Priverno, rimasta coinvolta in un incendio nello scantinato della sua abitazione di via Colberti, in località San Lorenzo. Le indagini disposte dal sostituto procuratore Daria Monsurrò sono affidate ai carabinieri della locale stazione e ai colleghi della Compagnia di Terracina, diretta dal capitano Margherita Anzini.

In base ai primi accertamenti svolti l’anziana, rimasta senza luce, si sarebbe “avventurata” per le scale al fine di raggiungere il contatore elettrico, tenendo in mano una candela accesa. Non è ben chiaro se l’86enne sia stata colta da malore o folgorata da una scarica elettrica prima di essere investita dalle fiamme, prodotte dalla candela con la quale stava illuminando il suo percorso. Sul suo corpo evidenti i segni delle bruciature, ma l’incendio sarebbe rimasto circoscritto alla poveretta.

Sarà l’autopsia a fare luce sulle cause della morte di Italia De Angelis e sulla dinamica di questa assurda tragedia al vaglio anche degli specialisti Nbcr (Nucleo biologico chimico radiologico) dei vigili del fuoco. Sotto sequestro il locale.

Quando sul posto sono arrivati i vigili del fuoco da Terracina, alle 14.15, allertati da un vicino di casa, l’anziana era ormai priva di vita. Inutile la corsa del personale del 118 prontamente intervenuto non appena scattato l’allarme. L’inchiesta della Procura stabilirà l’esatta dinamica dei fatti, ma su questa triste storia resta l’amarezza della tragica fine di una donna di 86 anni che certamente meritava di passare a miglior vita semplicemente addormentandosi nel suo letto.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti