La La Land, un brindisi ai sogni e all’amore omaggiando il cinema e il jazz

Reduce dal record stabilito ai Golden Globe, con sette vittorie su sette nomination, La La Land si prepara a fare incetta di Oscar il prossimo 26 febbraio. Il film di Damien Chazelle, già regista di Whiplash, ha tutto quello che serve per incantare e far sognare lo spettatore, e per affermarsi come una delle migliori celebrazioni del cinema a tutto tondo di questi ultimi anni.

Mia (Emma Stone) è un’aspirante attrice, Sebastian (Ryan Gosling) è un musicista jazz che sbarca il lunario suonando nei piano bar. Dopo alcuni incontri casuali, fra Mia e Sebastian esplode una travolgente passione nutrita dalla condivisione di aspirazioni comuni, da sogni intrecciati e da una complicità fatta di incoraggiamento e sostegno reciproco.

Se con il precedente Whiplash Chazelle ci aveva stregato con una storia di bisogno ossessivo di raggiungere i propri obiettivi, con La La Land ci fa sognare mostrandoci la vicenda di due sognatori alla ricerca del proprio posto nel mondo. Il giovane regista trentaduenne sfoggia qui il suo grandissimo talento e il suo immenso amore per il cinema e la musica, in particolare il jazz. Sin dalla sequenza iniziale ci sorprende con virtuosismi che riempiono di stupore gli occhi, e per l’intera durata del film continua a sorprenderci con studiati e poetici movimenti di macchina, con inquadrature che saziano lo spettatore, molte delle quali sono chiari omaggi al cinema classico e ai musical di una volta. La sceneggiatura, scritta dallo stesso regista, ci immerge in un’atmosfera fiabesca, sognante, a tratti malinconica, sospesa in una modernità senza tempo in cui vige il contrasto tra vecchio e nuovo. La linea temporale, scandita dai frenetici e dolci ritmi musicali, non risulta mai banale, ma anzi riesce costantemente a sorprendere e tenere viva l’attenzione.

Chazelle si avvale del meglio per una messa in scena ricca, viva e frizzante, vera gioia in movimento. Se la musica ha un ruolo centrale, dalla splendida colonna sonora alle bellissime canzoni di Justin Hurwitz, su tutte City of Stars e Audition (The Fools Who Dream), capaci, come se non fosse abbastanza, di farci sognare ancor di più, ecco che Linus Sandgren ci stupisce con la sua morbida e bellissima fotografia, fatta di colori ricorrenti, toni che si sposano con gli ambienti e regalano estrema intensità e rilevanza alle scene chiave del film. Contribuisce così a meraviglia a quel gusto e a quella poesia visiva già accennata. E ancora i costumi, le scenografie, il sonoro, le bellissime coreografie, tutto partecipa allo straordinario successo di questo film, modellandone la forma e l’aspetto per una resa finale che ha dell’incredibile, affermandosi come puro cinema in grado di far sognare ad occhi aperti.

E poi ci sono loro, la meravigliosa coppia protagonista composta da Emma Stone e Ryan Gosling. Entrambi candidati all’Oscar, sfoggiano la grande chimica che scorre tra loro facendo scintille sullo schermo, con due personaggi estremamente incantevoli, di cui è facile innamorarsi e nei quali è facile riconoscersi. I grandi ed espressivi occhi della Stone non possono lasciare indifferenti, rapendo e trasmettendo il vortice di passioni che il suo personaggio si trova a vivere. Allo stesso modo Gosling, carattere differente, riesce ad essere sempre credibile nelle sue azioni e vicende. Entrambi si mettono in gioco, divertendosi ed emozionandosi all’interno di questa storia, contagiando lo spettatore con la loro vitalità.

La La Land è un inno, un brindisi, ai sognatori. A coloro che fanno tutto ciò che è in loro potere per realizzare ciò in cui credono davvero. Il regista racconta con grande delicatezza questa storia d’amore mai banale in cui tutti possono riconoscersi, e che ha come sfondo ideale la bellissima Los Angeles. Chazelle alterna gioia e malinconia, favola e realtà, e confeziona una meravigliosa e travolgente opera perfettamente capace di emozionare e far sognare, di far nascere il sorriso sul volto di chi guarda, di infondere il ritmo musicale nelle vene e di regalare sincere emozioni, come solo il grande cinema sa fare.

La La Land, diretto da Damien Chazelle con Emma Stone e Ryan Gosling è in sala dal 26 gennaio nei cinema di Latina (Oxer, Corso Multisala) e Aprilia (Multiplex Village Cinemas).

LE VOSTRE OPINIONI

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here