Spari per gelosia, Cambria dal giudice: “Mi stavo difendendo”

800 litri
Il carcere di Latina

Ha risposto questo pomeriggio, davanti al giudice per le indagini preliminari del tribunale di Latina, Giorgia Castriota, Giovanni Cambria, arrestato per il tentato omicidio di Nazzareno Di Giorgio.

L’indagato, difeso dall’avvocato Laura Bove, ha fornito al gip la sua versione dei fatti: avrebbe risposto ad un tentativo di investimento. Il giudice ha convalidato l’arresto, ma si è riservata sulla misura cautelare dell’uomo che è ora in carcere.

Cambria non avrebbe accettato che l’ex compagno della fidanzata si fosse nell’ultimo periodo riavvicinato alla donna. Tra i due, entrambi già noti alle forze dell’ordine, c’erano stati per questo diverse discussioni e solo per un soffio la vicenda non si è trasformata nell’ennesimo dramma di gelosia.