Intervista col creativo! Anno secondo. Le creazioni di Veronica

Chiudete gli occhi e provate ad immaginare… E’ notte , tutti dormono, in casa regna una pace gratificante , che compensa della faticosa giornata appena trascorsa. Veronica , si aggira per casa, la testa in fermento e le idee che vogliono uscire , concretizzarsi.

La creatività non è mai stanca , e questo Veronica lo sa bene . Per questo approfitta della sera per aprirle le porte di casa sua e iniziare a dare vita ai suoi progetti: oggetti di feltro e pannolenci che mettono allegria al solo guardarli . Sono delle vere opere d’arte.

Eccovi dunque Veronica e il suo coloratissimo mondo di feltro.

D. Ciao Veronica e benvenuta ad Intervista col creativo! Prima di tutto da te voglio sapere : come ti fa sentire creare con le tue stesse mani e la tua fantasia ? 


Clelia, prima di iniziare a rispondere voglio ringraziarti per avermi proposto questa intervista. A me piace più ascoltare che parlare, nonostante ciò ho accettato l’invito perché ritengo sia importante far conoscere chi c’è dietro Feltri-amo, ma per paura di annoiare le mie risposte saranno brevi e concise.

Inizio subito dicendoti che creare mi emoziona, mi rilassa, mi fa sentire libera di esprimermi e mi fa superare la paura di non riuscire a superare un obiettivo.

 
D. Dici di esserti scoperta creativa nel 2014. Ci racconti la storia delle tue pantofole?
 

Era il giorno di Pasqua del 2014, dopo la grande abbuffata del pranzo in famiglia volevo stare un po’ con me stessa e sentivo il bisogno di fare qualcosa per me.

Già da tempo desideravo un paio di ciabattine di feltro e un pezzo di feltro in casa c’era!

Ho iniziato a scarabocchiare, tagliare, cucire alla meno peggio e il giorno dopo ,con grande stupore, le ciabattine erano ai miei piedi .

Da quel momento non mi sono più fermata, avevo scoperto che quando si vuole si può!


D. Io credo che anche il tuo lavoro di estetista richieda una buona dose di creatività, non è vero?

Più che la creatività , il mio lavoro mi ha insegnato ad essere scrupolosa, attenta e precisa , a sviluppare la manualità e a sviluppare il senso del bello e dell’armonico.


D. Quando ti vengono le idee migliori? E soprattutto , quando trovi il tempo per dare alla luce le tue meraviglie?
 

Le idee migliori mi vengono mentre sto creando, succede che mentre realizzo una lampada sto già pensando come fare un ferma libri , mentre taglio il ferma libri ho già chiaro in mente un porta vaso…

Il tempo per creare è sempre poco, riesco a cucire e a dipingere nel silenzio della notte, per tagliare il legno invece devo organizzarmi, di solito monto Drey ( la mia sega) nel fine settimana.

D. Vivi in una delle più belle regioni d’Italia, l’ Abruzzo, in una cittadina di montagna: i paesaggi meravigliosi che ti hanno da sempre accompagnata hanno in qualche modo influito sulla tua creatività?

 

Abito a Sulmona, una cittadina molto graziosa situata in una valle circondata da montagne. Non so dirti se “i miei paesaggi” hanno influito sulla mia creatività, però posso dirti che alcune volte mi sono d’ispirazione.


D. Ora che ti sei scoperta creativa potresti fare a meno di ritagliarti uno spazio tutto per te per dare voce alla tua creatività ? Diresti che si diventa creativi/dipendenti?
 

Sì, si diventa creativi dipendenti!

In ogni momento della giornata, in ogni cosa sulla quale lo sguardo si sofferma, la mette inizia a elaborare progetti.

Accumuli oggetti che potrebbero tornare utili , acquisti materiale creativo che non sai più dove mettere per quanto ce ne hai, raccogli ceppi, pigne ,pietre perché prima o poi ti serviranno!

Nelle vesti della creativa mi sento a mio agio, è una parte importante del mio essere a cui non rinuncerò mai!

D. La vita in famiglia di una persona creativa

 

La vita in famiglia è disordinata come il mio tavolo da lavoro.

Sarebbe tutto più facile se riuscissi ad organizzarmi, ma l’organizzazione non è il mio forte!

Improvviso per preparare la cena, andiamo a dormire su letti disfatti, c’è chi cerca i calzini ancora sporchi e chi prima di vestirsi deve accendere il ferro da stiro, insomma sono una frana!

Certamente non sono una moglie e una mamma perfetta ma i miei 3 uomini li amo e guai a chi me li tocca!

D. I materiali che preferisci e le tecniche che prediligi

 

Mi piace la morbidezza del pannolenci, il profumo del legno tagliato e sporcarmi con i colori.

Prediligo il cucito creativo, l’intaglio del legno e dipingere.

Ogni tecnica mi incuriosisce e mi affascina e siccome ho tanta voglia di imparare non escludo che in un futuro prossimo sperimenterò altri materiali.

D. Dammi una definizione di creatività

 

La creatività è viaggiare con la fantasia verso un mondo a colori.

D. Veronica ha un colore preferito? L’importanza dei colori nella vita di ognuno di noi

 

E’ difficile dirti quale colore mi piace!

Posso dirti che non preferisco il color oro, simbolo del potere e della ricchezza e la monotonia del grigio, il colore del cemento.


D. Se Veronica fosse un fiore quale fiore sarebbe e perché?
 

I miei fiori preferiti sono i fiori di campo, quei piccoli fiorellini apparentemente fragili ma con una grande resistenza , nascono spontaneamente e sopravvivono senza prestargli alcuna cura.

Sono poco appariscenti ,ma riescono ugualmente a catturare l’attenzione .

Io mi sento un po’ come un fiore di campo.  


D. Parlaci del tuo rapporto con il mondo animale
 

Amo gli animali da sempre, tanto che da piccola sognavo di diventare veterinaria, poi ho preso un’altra strada, ma questa è un’altra storia.

Credo che tutti devono avere l’opportunità di vivere con un animale, soprattutto i bambini, perché da loro si può solo imparare .

Io ho una barboncina nera , da 8 anni è la mia ombra, anche ora che sto rispondendo a questa domanda lei è qui vicino che mi guarda con i suoi occhioni dolci ,tra una domanda e l’altra le parlo e lei risponde con una leccatina.

D. E infine , cara Veronica, siamo curiosi di sapere : Cosa farai da grande? 😉

 

Da grande vivrò in una piccola casetta in campagna immersa tra fiori di campo e alberi da frutto, nel retro un orticello delineato da una staccionata in legno , un camper con il serbatoio sempre pieno parcheggiato vicino il cancello , una rimessa per gli attrezzi trasformata nel mio laboratorio. La casetta dentro sarà molto semplice e funzionale, con le tendine a quadrettini rossi raccolte da cuoricini, un grande camino con 2 sedie a dondolo davanti. Cani ,gatti e nipotini che scorrazzano felici ……..ops! Questo è solo un sogno, cosa farò da grande lo scoprirò quando sarò grande!

Ecco Veronica, te lo dico : nella casetta in campagna voglio viverci anche io ! Me lo lasci un posticino?

Quanto a voi , cari lettori , vi lascio alla scoperta del mondo incantato della nostra amica .

www.facebook.com/feltriamo

www.instagram.com/feltriamo

www.etsy.com/it/shop/feltriamo

Sono sicura che ne resterete ammaliati.

Vi abbraccio e vi do appuntamento a presto

Clelia

L’intervista potrete leggerla anche sul mio blog

LE VOSTRE OPINIONI

commenti