Latina, aule inagibili nella scuola di via Quarto. La protesta in piazza e le scuse dell’amministrazione comunale

“Se entro il 14 settembre non sarà trovata una soluzione porteremo i nostri figli a fare lezione sotto al Comune”. La protesta questa mattina a Latina si è spostata da via Quarto a piazza del Popolo. Protagonisti i genitori dei bambini che frequentano la scuola dell’istituto Frezzotti-Corradini che ieri si sono riuniti in assemblea alla presenza della dirigente scolastica Roberta Venditti per fare il punto della situazione rispetto alle aule dichiarate inagibili dai vigili del fuoco dal 20 gennaio scorso. Dopo mesi di inerzia dell’amministrazione comunale, il dirigente dei Lavori pubblici ha comunicato alla direzione scolastica che il ritardo per i lavori necessari, trattasi di interventi straordinari, è dovuto sostanzialmente a mancanza di personale del servizio. Una “risposta” che ha mandato su tutte le furie i genitori ai quali è stata prospettata l’ipotesi di doppi turni sin dall’avvio del nuovo anno scolastico. Una soluzione “indigesta”.

L’assessora ai servizi sociali Patrizia Ciccarelli giungendo in Municipio proprio quando si erano radunati i genitori sotto i portici del Comune ha preannunciato che il sindaco Damiano Coletta e l’assessore ai Lavori pubblici Gianfranco Buttarelli avrebbero ricevuto da lì a pochi minuti una delegazione dei genitori. Si è detta dispiaciuta dell’accaduto e dei conseguenti disagi per i quali “l’amministrazione deve scusarsi”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti