Confesercenti a Latina e in provincia, molto di più che una nuova sede

Susanna Gloria

Dopo un breve periodo di riorganizzazione la Confesercenti inaugura a Latina la nuova sede provinciale. Il taglio del nastro è previsto per mercoledì 22 novembre alle 12 al civico 8 di via Costa. Il presidente e il direttore regionale, rispettivamente Cosimo Peduto e Valter Giammaria, annunciano le novità e rilanciano l’attività dell’associazione di categoria.

“Ci sono diversi aspetti che rendono unico e forse irripetibile questo appuntamento – si legge in una nota stampa della Confesercenti Lazio -. Il primo è che abbiamo raccolto l’adesione di due delle più importanti organizzazioni autonome del commercio di Latina, Latina Centro e Isola che non c’è. Rappresentano insieme la sostanziale totalità del commercio organizzato in città e si vanno ad innestare su una base associativa che storicamente ha visto a Latina una grande adesione alla Confesercenti: ambulanti, benzinai, agenti di commercio, tabaccai, pubblici esercizi. Susanna Gloria che sarà la nostra Presidente è una delle figure più rappresentative e conosciute nel panorama del tessuto produttivo di Latina e sarà, insieme a Massimo Ceccarini, il vero valore aggiunto della nostra organizzazione. Possediamo la migliore e più qualificata rete di assistenza tecnica e di consulenza finanziaria alle imprese, ne abbiamo dato un cenno alla fine di luglio nel corso di una conferenza stampa a Terracina dove in poche ore abbiamo raggruppato un numero impressionante di imprese, consulenti e banche sul tema specifico del nuovo fondo centrale di garanzia. Già oggi, a fari spenti, senza clamori, intermediamo al meglio oltre 500 imprese all’anno della provincia nel rapporto con gli istituti di credito e lo facciamo in maniera efficace, discreta, senza ansie mediatiche”.

“Abbiamo sperimentato proprio a Latina e in particolare a Ventotene – si legge ancora nel comunicato – il contratto di rete e di rete d’impresa più numeroso a livello regionale, con le Pmi di Ventotene che utilizzando l’innovativo strumento giuridico del contratto di rete sono in condizione di essere maggiormente competitive non solo sui mercati internazionali ma anche su tutti i bandi pubblici che vengono pubblicati. Abbiamo aperto una bellissima sede nel cuore della città ed in essa innestiamo un modello organizzativo sostanzialmente uniforme su tutto il territorio regionale che vuol dire risposte certe ed univoche a tutti i bisogni e le domande delle imprese. Ci relazioniamo già oggi con i Sindaci, i vertici degli enti pubblici garantendo ai nostri associati un canale specifico nei loro concreti problemi con gli enti locali. L’Ente bilaterale del Terziario aprirà un suo sportello anche a Latina e su servizi come patronato, caf, paghe, siamo insomma in condizione già oggi di fare in modo che un commerciante possa risolvere almeno 5 problemi della sua impresa andando in un solo ufficio. Sui grandi temi dell’innovazione, dell’internazionalizzazione, della crescita dimensionale, dell’assistenza fiscale e tributaria, sugli adempienti del Contratto Collettivo del Lavoro del commercio e del turismo abbiamo funzionari e tecnici di assoluto livello e competenza, e questo anche in forza del modello organizzativo unico su base regionale che ci permette di raggiungere il doppio obiettivo della uniformità dei servizi e del contenimento dei costi, per noi e soprattutto per le imprese”.

“A Latina – concludono Giammaria e Peduto – abbiamo la ragionevole certezza di essere nel breve tempo una delle più influenti, organizzate e dinamiche Associazioni di categoria nel territorio; nel pieno rispetto di tutte le altre ma sapendo che al centro delle nostre proposte, battaglie ed analisi non ci saremo noi stessi ma le imprese che rappresentiamo e sopratutto quelle che grazie al lavoro che faremo ci proponiamo di rappresentare”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti