Abc Latina, le spese legali sotto la lente di Zuliani. Chiesta la convocazione della commissione Bilancio

Nicoletta Zuliani

“Centomila euro di di incarichi legali, da parte di Abc Latina per difendersi dal ricorso fatto dalla De Vizia”. La cifra merita attenzione e anche il metodo dell’affidamento diretto utilizzato dall’azienda speciale che gestisce i rifiuti nel capoluogo. La consigliera Nicoletta Zuliani, dopo la seduta della commissione Ambiente che si è tenuta ieri, torna sull’argomento chiedendo che il caso sia approfondito in commissione Bilancio, alla presenza dell’avvocatura.

“Ma si possono dare incarichi legali fiduciari (ormai intesi come “appalto di servizi”) quando sono di tale entità?”, domanda la consigliera che aggiunge: “L’affidamento di tali incarichi legali dovrebbe avvenire, ai sensi del codice degli appalti, ‘nel rispetto dei principi economicità, efficacia, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza, proporzionalità, pubblicità, tutela dell’ambiente ed efficienza energetica’”.

“Ieri in commissione – ricorda Zuliani – alla domanda fatta all’assessore Roberto Lessio se gli incarichi dati da Abc fossero legittimi, la risposta è stata che il nuovo codice degli appalti esclude questa fattispecie dall’obbligo di avvisi pubblici. Non è così – attacca la consigliera -. L’assessore ha anche detto che sia il Consiglio di Stato che il Consiglio Nazionale Forense hanno dato pareri contrari a quanto stabilito dall’Anac nelle sue linee di indirizzo e in tutte le sentenze della Corte dei Conti. Peccato che i pareri non siano proprio considerati dalla Corte dei Conti che invece segue le linee Anac e la legge”.

Secondo la Corte dei Conti, “[…] l’art. 17 richiamato recepisca direttive dell’Unione europea che, com’è noto, accoglie una nozione di appalto più ampia di quella rinvenibile nel nostro codice”. Di qui la necessità di assicurare – cita la consigliera – la “massima partecipazione mediante una procedura di tipo comparativo idonea a permettere a tutti gli aventi diritto di partecipare, in condizioni di parità e uguaglianza, alla scelta del contraente… sulla base di un principio di rotazione, applicato tenendo conto, nell’individuazione della ‘rosa’ dei soggetti selezionati, dell’importanza della causa e del compenso prevedibile” (cfr. deliberazione n. 4/2018/VSGO del 16.01.2018). “A tal proposito si legge nello schema di linee guida dell’Anac – cita ancora Zuliani – sui servizi legali (non ancora formalizzato) che ‘Anche per l’affidamento dei servizi legali di cui all’art. 17 del Codice (così come per i contratti sotto soglia di cui all’art. 36, comma 2), gli operatori economici a cui richiedere preventivi per una valutazione comparativa possono essere selezionati da elenchi previamente costituiti dall’amministrazione'”.

Ecco quindi che secondo l’esponente del Partito democratico ce n’è abbastanza perché il caso torni in commissione, questa volta in commissione Bilancio, atteso che come è noto le spese legali per ora sono la voce in rosso del primo bilancio di Abc e che il Comune è tenuto a ripianare i debiti dell’azienda speciale.

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti