Giardino di Ninfa e Castello Caetani, uno scrigno di iniziative per la valorizzazione

Il tavolo della conferenza

“Ninfa nelle stagioni”, quattro date per vivere i giardini in tutte le sue forme e nei diversi colori dell’anno, e sabati letterari dedicati a Marguerite Chapin, tra le novità presentate oggi nel palazzo della sede della Provincia di Latina dalla Fondazione Caetani.

Un’occasione per rendere noti anche il nuovo logo del Giardino di Ninfa e del Castello di Sermoneta, che renderà riconoscibile la vendita di prodotti tipici della Tenuta Caetani, materiale didattico per i più piccoli, un’immagine coordinata per la vendita di gadget all’esterno delle strutture e un sito internet più veloce per la prenotazione online.

La Fondazione Caetani mette a disposizione dei visitatori del Giardino di Ninfa e del Castello di Sermoneta un programma di iniziative e nuovi progetti che consentiranno di ampliare l’offerta e facilitare le prenotazioni, rendendo queste esperienze anche più agevoli sul piano organizzativo.

Uno studio, condotto da Claudio Buongiorno, studente dell’Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano, ha consentito alla Fondazione Roffredo Caetani di venire in possesso di alcuni importantissimi dati venuti fuori da centinaia di interviste fatte nel 2018 ai visitatori del Giardino di Ninfa. Dati preziosi sull’esperienza degli avventori che hanno di fatto suggerito alla Fondazione la direzione verso la quale andare per “aprirsi” ancora di più e rendere più fruibili le bellezze lasciate in eredità dalla nobile Famiglia Caetani.

Spazio dunque ad un calendario rinnovato, più aperto, con maggiori possibilità di scelta sempre nel rispetto dell’ecosistema del Giardino di Ninfa. Più spazio ad iniziative culturali che coinvolgono il Giardino e il Castello (ad esempio con i Parchi Letterari o con il progetto Ninfa nelle quattro stagioni), nuovi loghi per creare una immagine coordinata che favorisca la riconoscibilità dei prodotti provenienti dalla Tenuta Caetani che la Fondazione metterà a disposizione degli avventori, insieme a nuovi gadget e materiale didattico per i più piccoli. Tutto andrà ad arricchire la pubblicazioni storiche e il materiale già presenti.

Una novità fra tutte: Giardino di Ninfa e Castello Caetani di Sermoneta sono da oggi marchi registrati.

“La Fondazione Roffredo Caetani – ha spiegato Tommaso Agnoni, presidente della Fondazione caetani – è al centro di una serie di iniziative che, praticamente da sempre, puntano alla valorizzazione culturale, storica ed ambientale delle bellezze che la famiglia Caetani ci ha lasciato in eredità. Mostre, pubblicazioni, eventi, convegni, progetti tesi alla conservazione del patrimonio archivistico straordinario di questa nobile famiglia. Oggi questo impegno, grazie anche allo studio condotto proprio lo scorso anno sui visitatori del Giardino di Ninfa, si allarga ulteriormente servendosi anche delle nuove tecnologie che ci aiutano a rendere più fruibile il lavoro condotto dalle tante persone che lavorano dietro a questi progetti. Ecco dunque i nuovi percorsi per visitare il Giardino di Ninfa (che anche nel 2018 ha confermato un trend di visitatori che stiamo elaborando ma che supera quota 70mila), non solo il programma con le aperture che potremmo definire più tradizionali ma anche delle vere e proprie esperienze con Ninfa nelle quattro stagioni o i percorsi dedicati ai Parchi Letterari. Il Castello (il trend di visitatori in questo caso si attesterebbe oltre quota 40mila) continuerà in tal senso ad ospitare iniziative culturali di alto livello e ad essere aperto per progetti legati allo studio e alle innumerevoli esperienze che molte università, servendosi dei nostri spazi, fanno su questo territorio insieme ai loro studenti”.

Per rendere il tutto più semplice la Fondazione ha pensato ad un sito internet per le prenotazioni (www.giardinodininfa.eu) rinnovato e da affiancare a quello della Fondazione Caetani (www.frcaetani.it). Due progetti che, insieme al piano della comunicazione e ai social, viaggiano di pari passo sempre con l’obiettivo di promuovere questi nostri gioielli.

“Da quest’anno, l’altra novità – ha proseguito Agnoni –  è il piano di immagine coordinata che stiamo dando al Giardino di Ninfa e al Castello: due nuovi loghi andranno ad arricchire e rendere dunque ancora più riconoscibili le etichette dei prodotti che mettiamo a disposizione dei visitatori. Si tratta di tradizionali gadget (matite, maglie), di prodotti dell’azienda agricola della Tenuta Caetani (ad esempio miele o talee) ma anche di materiale didattico per i più piccoli come dei piccoli album da disegno o da colorare che prossimamente verranno messi in vendita. Insomma, la storia del Giardino di Ninfa e del Castello di Sermoneta, oltre le meravigliose pubblicazioni che mettiamo a disposizione da sempre, sarà più fruibile anche per i bambini in linea con i progetti che già mettiamo in campo ad esempio con le Piccole Guide del Parco di Pantanello”. “Un ringraziamento particolare – ha concluso il presidente Agnoni – a Claudio Buongiorno che ha curato lo studio presentato oggi, all’agenzia Keller Adv che ha ideato il sito internet e l’intero progetto di immagine coordinata e a tutto il personale della Fondazione Caetani, al Consiglio e al direttore del Giardino di Ninfa Lauro Marchetti”.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti