Per un’Europa più veloce e popolare, a Latina la ricetta di Bonafè conquista il pubblico del Circolo cittadino

“Per chi vuole rimanere in Europa siamo l’unica alternativa a chi ci governa”. Simona Bonafè, eurodeputata uscente e capolista Pd nella circoscrizione Centro alle elezioni europee, questa sera ha incantato il pubblico del Circolo cittadino di Latina all’evento organizzato per la presentazione del suo libro. Un libro che, già con il solo il titolo “Senza è peggio. Perché l’Europa serve”, riassume la sua esperienza al Parlamento europeo dove il lavoro, già avviato dal Partito democratico, deve essere completato per restate nell’Unione.

Al tavolo del Circolo cittadino di Latina Claudio Moscardelli, “padrone di casa” in quanto segretario provinciale del Partito democratico, il presidente della Provincia di Latina e sindaco di Pontinia Carlo Medici, i consiglieri regionali pontini Salvatore La Penna ed Enrico Forte e Mario Leone del Movimento europeista federalista.

Senza è peggio, e c’è un esempio concreto: ne sanno qualcosa gli inglesi e la loro maledetta Brexit. “Non sono ancora usciti dalla Ue e già ne pagano le conseguenze”, ha sottolineato l’europarlamentare uscente, ricandidata alla competizione del 26 maggio prossimo. E’ venuta a Latina per presentare il libro sì, ma anche per la campagna elettorale, per prendere i voti anche a Latina, storicamente di centrodestra, cercando di tornare in Europa e salvare l’Italia.

Bonafé, favorevole alla webtax, pensa ad un’Europa più popolare, più veloce, con una politica fiscale e del lavoro unitaria. “I nostri ragazzi sono nati con l’euro, sono europei e inseguono il sogno americano di una grande federazione. Diffidate da chi dice che è meglio stare fuori dall’Europa”, ha concluso Bonafè.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti