Arresti Aprilia, Calandrini: “Auspico che il sindaco possa chiarire al più presto la sua posizione”

Calandrini, presidente della 5a commissione bilancio del Senato
Nicola Calandrini, coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia, è intervenuto in merito al terremoto giudiziario che ha colpito all’alba la città di Aprilia. Quaranta indagati di cui 25 destinatari di custodia cautelare con vari personaggi della politica presenti tra cui il sindaco Principi, l’ex primo cittadino Terra e la candidata a sindaco Caporaso. Calandrini, ha dichiarato in una nota:
“Quanto emerge dalla maxi operazione di Aprilia da una parte addolora ma dall’altra dimostra ancora una volta che lo Stato è presente e che non c’è spazio, nel nostro territorio, per la malavita. Un plauso alla Dda di Roma, alla Dia e all’Arma dei Carabinieri per il lavoro svolto che ci offre uno spaccato criminale preoccupante del territorio alle porte di Roma e in quello Pontino ma allo stesso tempo dimostra ancora una volta una capacità di resilienza senza pari di chi è chiamato a difendere la legalità. Bene anche la decisione della Commissione antimafia, presieduta da Chiara Colosimo, di richiedere formalmente l’acquisizione degli atti dell’inchiesta. Per quanto riguarda il Sindaco Lanfranco Principi, premettendo che i fatti contestati risalgono al 2018 e non riguardano il suo attuale mandato, auspico che possa chiarie al più presto la sua posizione, fermo restando la massima fiducia nella giustizia”