Coronavirus in carcere, diffusi i dati dei contagi. Buone notizie per Latina

800 litri
Il carcere di Latina

Sono stati diffusi dall’amministrazione penitenziaria i dati sui contagi da coronavirus in carcere.

La situazione nazionale è di 11 poliziotti penitenziari e 10 detenuti positivi al virus. “Una situazione non allarmante, ma da tenere attentamente sotto controllo” – ha commentato il Sappe, sindacato di polizia penitenziaria.

La buona notizia per la casa circondariale di Latina, dove il clima in estate è stato purtroppo molto pesante per via dei due suicidi di Norma e Roccagorga, è che nessun caso di contagio è stato registrato.

“In Italia ci sono complessivamente circa 60mila persone detenute. Gli ultimi dati forniti dall’Amministrazione Penitenziaria ci dicono che sono positivi al virus 11 poliziotti penitenziari e 10 detenuti, seguiti e gestiti internamente agli istituti. Non c’è alcun allarmismo circa il coronavirus, dunque, ma richiamo il Ministero della Giustizia ed in particolare il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria a predisporre adeguati interventi a tutela delle donne e degli uomini del Corpo di Polizia Penitenziaria, in servizio nella prima linea delle Sezioni detentive 24 ore giorni, e di tutti gli operatori penitenziari”. È l’auspicio di Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe.

Gli undici poliziotti penitenziari contagiati sono in servizio nelle carceri di S.Maria Capua Vetere (1), Bologna (1), Roma Regina Coeli (1), Busto Arsizio (1), Torino (1), San Gimignano (1), Perugia (1), Venezia Santa Maria Maggiore (2), Vicenza (1) e nella sede centrale del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria di Roma (1). Positivi invece dieci detenuti a Cassino (1), Bollate (1), Lecco (1), Milano (4), La Spezia (1), Pisa (1) e Venezia Santa Maria Maggiore (1), tutti gestiti all’interno delle strutture carcerarie.