Estorsione e minacce in famiglia, 27enne di Sonnino torna in carcere

800 litri
Il carcere di Latina

Estorsione e minacce tra le pareti domestiche. Torna in carcere il 27enne di Sonnino accusato di tentata rapina, lesioni, danneggiamento, estorsione continuata e minacce in danno dei suoi famigliari. Il giovane già arrestato qualche tempo fa per gli stessi reati e poi spedito ai domiciliari dal Tribunale del Riesame.

Ieri i carabinieri della locale stazione hanno bussato nuovamente alla porta della sua abitazione per la notifica di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per nuovi episodi commessi compiendo gli stessi tipi di reato ai danni delle stesse vittime. L’arrestato C.M. si trova ora nella casa circondariale di Latina.