Italian Lives, Cori e Terracina nella campionatura dell’indagine statistica

    Cori e Terracina sono stati scelti insieme ad altri 278 comuni italiani per la realizzazione di un’indagine statistica denominata Italian Lives – Indagine sui corsi di vita in Italia (Ita.li) – che coinvolgerà alcuni cittadini residenti nel territorio pontino.

    L’indagine Ita.li sul mutamento sociale in Italia è promossa dall’Università degli Studi di Milano – Bicocca e, nello specifico dal Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, e dall‘Institute for Advanced Study of Social Change (Iassc). L’indagine fa parte di un progetto di eccellenza nazionale finanziato dal Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (Miur). La sua progettazione è stata definita con l’Istat nell’ambito di uno specifico accordo di collaborazione.

    Ita.li è un’indagine campionaria sulle trasformazioni delle condizioni di vita dei cittadini residenti in Italia, progettata seguendo i più elevati standard di rigore scientifico nel campo delle scienze sociali. Ai membri delle famiglie partecipanti, 17 per Terracina e 15 per Cori, sarà somministrata un’intervista di persona tramite un questionario predefinito. Le interviste saranno condotte da ricercatori di Ipsos srl, società internazionale di ricerche sociali, che per i due comuni pontini ha scelto come rilevatore Paolo Zappone.

    Come spiegato dall’università di Milano in una nota di presentazione indirizzata ai sindaci e ai responsabili dell’Anagrafe di Terracina e Cori “l’indagine permetterà a studiosi italiani e stranieri di analizzare in modo approfondito importanti tematiche come i percorsi educativi e gli esiti delle riforme scolastiche, il cambiamento del mondo del lavoro, l’evoluzione dei processi di nuzialità e fecondità, la dinamica dei processi migratori, le condizioni di benessere e di deprivazione delle famiglie”. “Si tratta di temi di primaria importanza – si legge – che raramente possono essere studiati tutti insieme e in modo completo e approfondito nel nostro Paese”.

    L’indagine sui Corsi di Vita in Italia rappresenta quindi un’occasione unica per conoscere meglio le condizioni di vita degli italiani e la loro evoluzione nel corso degli ultimi decenni.
    L’intervistato sarà omaggiato di buoni spesa in benzina fino a 40 euro.