La Provincia di Latina “sblocca” il progetto di ampliamento del Mol

Paolo Ghedin, rappresentante legale della società Mol

Via libera dalla Provincia di Latina al progetto di ampliamento e ristrutturazione del Mol. L’iter di approvazione da parte del Suap del Comune del capoluogo era stato sospeso a febbraio 2019 per un dubbio sollevato dalla società proponente sulla necessità di verificare se il progetto in questione fosse assoggettabile alla valutazione ambientale strategica (Vas).

Con atto pubblicato oggi dalla Provincia di Latina, firmato dal dirigente Domenico Tibaldi, il progetto in questione di riqualificazione, ristrutturazione, cambio di destinazione d’uso in variante del Mercato ortofrutticolo di Latina è stato dichiarato non assoggettabile a Vas.

La richiesta di verifica da parte della società proponente era stata ritenuta un eccesso di zelo, come emerso nel corso della commissione Trasparenza del 28 febbraio 2019 quando l’architetto Stefano Gargano, responsabile del Suap, aveva riferito ai commissari che l’elemento Vas durante l’istruttoria non era stato preso in considerazione neanche dalla Regione Lazio, nelle preventive richieste di integrazione della documentazione. Dopo un confronto con i progettisti, si era comunque deciso di procedere ad una verifica, sospendendo la conferenza dei servizi in corso per l’approvazione del progetto.

Oggi il “responso” della Provincia che di fatto potrebbe riattivare l’iter per il mercato di via Monti Lepini all’ingresso sud del capoluogo.

L’intervento di riqualificazione e ristrutturazione del mercato ortofrutticolo di Latina riguarda il portale d’ingresso con la realizzazione di un edificio a ponte per il collegamento dei due corpi già presenti, con l’inserimento di un punto ristoro e uno sportello bancario, e la realizzazione di una galleria, consistente nella copertura dello spazio che separa i due principali edifici in cui sono collocati i magazzini ortofrutticoli. L’ampliamento in variante al Piano regolatore generale insiste su un’area agricola di circa 20mila metri quadrati a ridosso dell’attuale sede operativa della Mol: in progetto la realizzazione di un edificio, per la superficie di 5mila metri quadrati e una volumetria di 41.500 metri cubi, in cui svolgere le attività di confezionamento dei prodotti ortofrutticoli; un’area per la sosta dei mezzi e un’isola ecologica, in prossimità di una zona alberata, esterna all’intervento proposto, sottoposta a vincolo paesaggistico. Prevista la cessione, in favore del Comune di Latina, di tre aree più prossime all’ingresso del mercato per verde e parcheggi.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti