Latina, open day della Croce Rossa Italiana: visitabile campo emergenza

Open day della Croce Rossa Italiana anche a Latina. Il comitato del capoluogo pontino partecipa attivamente alla campagna organizzata a livello nazionale per far scoprire alla popolazione, attraverso dimostrazioni pratiche, sessioni di approfondimento, esposizione dei mezzi, il mondo della Protezione civile.

Porte aperte quindi a Latina presso la sede di via Ezio 73, nella giornata del 19 ottobre prossimo: dalle 10 alle 18 sarà possibile visitare l’allestimento di un Campo di Emergenza e scoprire qual è l’organizzazione complessa che c’è dietro il soccorso alla popolazione in caso di calamità o disastri.

Un’iniziativa che si svolge nell’ambito della prima edizione della “Settimana della Protezione Civile“, indetta dal Dipartimento Nazionale, in programma dal 13 al 19 ottobre. Tra gli obiettivi la promozione nelle comunità di comportamenti consapevoli, buone pratiche di prevenzione dai rischi e sviluppo della resilienza della popolazione. In quest’ottica, la Croce Rossa Italiana aderisce con una giornata di apertura al territorio in cui i cittadini potranno conoscere più da vicino le attività della CRI e delle altre di realtà di volontariato del territorio impegnate nel Sistema di Protezione Civile che condivideranno esperienze e momenti di formazione della popolazione.

“Si tratta – spiega il presidente del comitato pontino Giancarlo Rufo – di una giornata dedicata alle attività di emergenza, ovvero sarà possibile vedere da vicino le strutture e le tipologie di attività che la Croce Rossa Italiana, mette in campo ogni volta che la necessità di un’emergenza vede l’impiego operativo della nostra Associazione, che fa parte della Struttura nazionale di Protezione Civile. All’esterno della nostra sede di Via Ezio, verrà riprodotto un campo di emergenza, con Sala Operativa Mobile, tende, cucina da campo e una sorpresa l’abbiamo riservata ai visitatori più piccoli. Inoltre durante la giornata sarà possibile prendere informazioni per poter diventare Volontari della Croce Rossa Italiana”.

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti