Latina, un altro centro commerciale… a due passi dalla Procura. Cambio di destinazione d’uso, ecco il permesso

Il fabbricato di via Ezio oggetto di un cambio di destinazione d'uso

Un altro cambio di destinazione d’uso per l’apertura di un nuovo centro commerciale a Latina, a due passi dalla sede della Procura della Repubblica. L’autorizzazione è contenuta nel permesso a costruire, con cambio di destinazione d’uso di preesistenti fabbricati artigianali in superfici commerciali, rilasciato dal Suap e pubblicato oggi all’albo pretorio del Comune di Latina.

L’istanza, che interessa un lotto di 7.980 metri quadrati tra via Ezio e via Enea, è stata presentata il 31 gennaio 2017, ai sensi della legge regionale del Piano Casa, da Giuseppe Esposito, amministratore unico della società San Remo srl. Con l’avvio del procedimento amministrativo di fine aprile 2017, l’istanza è stata trattata in conferenza di servizi che si è conclusa positivamente a fine 2018, dopo ripetute richieste di integrazioni documentali.

Il permesso di demolizione e ricostruzione con cambio di destinazione d’uso da artigianale e commerciale – impossibile capire la volumetria interessata dal solo atto pubblicato all’albo pretorio in quanto si rimanda al progetto che non è allegato – è stato rilasciato alla società Ferdefin spa, che il 17 dicembre 2018 ha assorbito per fusione la San Remo srl. La comunicazione al Comune di Latina dell’operazione societaria è stata effettuata da Roberta Esposito, amministratrice unica e legale rappresentante della Federfin spa, lo scorso 20 febbraio. Oggi il rilascio del permesso a costruire e ritiro dello stesso da parte di Massimo Zangheri.

Il cambio di destinazione d’uso, dicevamo, è stato chiesto ai sensi della legge regionale sul Piano Casa e l’iter autorizzativo è stato portato a termine dopo più di due anni. La legge in questione è morta e sepolta il 31 maggio 2017, ma quando è stata presentata l’istanza – pochi mesi prima – era ancora vigente. La domanda è: quante istanze il Comune deve ancora evadere ai sensi della legge sul Piano Casa?

Altra questione. In via Ezio, ambito Ppe F2 Epitaffio del Piano regolatore generale, c’è già il Conad, con ampio parcheggio. Il centro commerciale, praticamente al ridosso, è compatibile? Quale sarà il carico di nuovi esercizi commerciali sulla stessa strada e dove saranno predisposti i relativi parcheggi?

 

LE VOSTRE OPINIONI

commenti