Omicidio al Felix, Tirim non voleva uccidere: pena ridotta di 8 anni

omicidio al felix

Sconto di pena in Appello per Gherghe Tirim, l’uomo condannato per l’omicidio di Marius Airinei, avvenuto nel 2016 al Felix di Latina. Oggi è uscita la sentenza di secondo grado. I giudici hanno derubricato per l’imputato, difeso dall’avvocato Adriana Anzeloni, il reato da omicidio volontario a preterintenzionale e ridotto la condanna, da 21 anni e 6 mesi a 13 anni di reclusione.

Per Sebastian Bozdog, difeso dall’avvocato Francesco Pietricola, accusato soltanto della rissa, la  condanna detentiva è stata cancellata e trasformata in una pecuniaria di 300 euro.

Confermato il risarcimento al figlio della vittima, di 50mila euro, disposto dalla Corte d’Assise di Latina, presieduta dal giudice Francesco Valentini. Il bambino è assistito, insieme alla compagna di Tirim, dagli Francesco Vasaturo e Michele Iazzetta. Si era costituito parte civile anche il fratello della vittima, difeso dall’avvocato Alessia Vita.

Era stato lo stesso procuratore generale a chiedere la derubricazione del reato in omicidio preterintenzionale.

Il fatto sconvolse la comunità di Latina e in particolare quella romena. La serata infatti era stata organizzata nella discoteca di via Don Torello per eleggere Miss Romania. Il delitto fu commesso per futili motivi: uno sguardo di troppo nei confronti di una ragazza durante la serata di festa. Airinei fu accoltellato all’arteria femorale.

LE VOSTRE OPINIONI

commenti